Tag

Non posso non pensare, in questi giorni di sole estivo, alle sofferenze dei nostri fratelli emiliani.
Vi abbraccio virtualmente, prego per voi.
Italia ferita, Italia del lavoro, del paesaggio, dell’arte.

Oltre al dolore però c’è la rabbia: per le istituzioni lontane e indifferenti, attaccate ai propri privilegi, ben contente di demandare alla solidarietà della gente comune lo sforzo della ricostruzione.

C’è anche la speranza.
Ieri vedevo un servizio sul volontariato. Tanti extracomunitari si sbracciano per il proprio paese di adozione.
Chissà che da questa semina di lacrime non venga un raccolto di solidarietà, di vera comunione e integrazione, di italianità nel senso migliore del termine.

Buon 2 giugno, viva l’Italia, viva la Repubblica.
L’Italia è fatta, dobbiamo rifare gli Italiani.

Annunci