Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

IMG-20150303-WA0001[1]

     Comune di CataniaTeatro Stabile

http://www.adnkronos.com/fatti/pa-informa/arte/2015/02/17/volontariato-scena_JVv1gfMhrmjGxSzjtPYYSK.html (la notizia d’agenzia)

http://www.comune.catania.it/informazioni/news/servizi-sociali/default.aspx?news=35601 (il comunicato stampa sul sito del Comune di Catania) 

Sotto il patrocinio del Comune di Catania – Assessorato all’Armonia sociale e al Welfare e del Teatro Stabile di Catania, la Rete delle Associazioni di Volontariato ha presentato ieri sera “VOLONTARIATO IN… SCENA” presso il Teatro Stabile di Catania “G. Verga”.

La serata, presentata dall’attrice Egle Doria, che ha ricordato l’importanza del donarsi agli altri, del mettere in comunione talenti e doni, dell’arte come strumento di armonia, ha visto in scena rappresentanti di varie realtà legate al volontariato come l’associazione Tiresia, presieduta dalla dottoressa Cinzia Caruso: quest’ultima ha voluto fortemente la mia presenza e sono stata lieta e onorata di poter leggere CHIANCI E RIRI e ‘A CRUCI ‘I SAN PETRU, due cunti in dialetto siciliano tratti dalla raccolta edita per ALGRA EDITORE, ovvero QUANNU ‘U SIGNURI PASSAVA P”O MUNNU.

Ringrazio tutti coloro che hanno reso possibile la mia partecipazione a questo evento… specie la dottoressa Caruso e la dottoressa Alda Carmela Di Mauro.

Ecco qualche fotografia:

Il Teatro Verga di Via Fava…

Teatro Stabile vuol dire tempio della prosa a Catania… onorata di esservi giunta con le mie parole.

L’interno del teatro e le prove… con Egle Doria.

Pronti per la serata…

I segnalibri…

Posto occupato… contro il femminicidio e la violenza contro le donne.

Il palco…

Pronta…

…per leggere due dei miei cunti.

Ensemble Disco del maestro Giuseppe Privitera… bravissimi!

Fiati e percussioni… bravissimi!

Il e la dottoressa Cinzia Caruso dell’associazione TIRESIA…

Vi ripropongo la copertina del libro:

Copertina Riccioli

Il booktrailer:

Il video che festeggia il primo anno della casa editrice:

Aria fresca, che pure sa d’antico e che d’antico serba la fragranza, è quella che si respira e si gusta leggendo questi racconti in versi di Maria Lucia Riccioli, la quale in essi si rivela narratrice, anzi poetica raccontatrice, d’antico stampo popolare, quasi una specie di contastorie in proprio, aggiornata cioè al tempo d’oggi e quindi libera nel piegare il ricco patrimonio lessicale siciliano all’esigenza della comunicazione che la vita attuale impone (Sebastiano Burgaretta)

Questa è la quarta di copertina, dono insieme alla splendida prefazione, dell’etnologo docente e poeta Sebastiano Burgaretta.

Ringrazio Maria Rita Pennisi e Orazio Caruso, curatori della collana Fiori Blu nella quale è uscito il volume.

Il libro è stato presentato a settembre presso La Feltrinelli di Catania, ad ottobre presso il Centro Studi di Tradizioni Popolari Turiddu Bella e a novembre presso il Liceo Corbino-Gargallo di Siracusa.

Ho tenuto dei reading a Solarino e Floridia in occasione della mostra “E’-Vento d’arte” ed ho partecipato all’evento “101 Poets for Change” al MOON di Ortigia (SR). Ne abbiamo parlato anche ad Avola presso la Libreria Mondadori il 6 dicembre con la cara Paola Maria Liotta e giorno 4 gennaio ho tenuto un incontro con l’autore insieme ad Alfio Grasso presso la Cantina Bonaccorsi di Aci Bonaccorsi (CT).

Giorno 17 gennaio alle 17.30 ne ho parlato con Maria Rita Pennisi per la FIDAPA di Acireale e BPW Italy – presieduta la prima da Vera Pulvirenti – presso la Sala Scacchiera del Resort San Biagio in via Gozzano 2 ad Acireale (CT).

Annunci