Tag

, , , , , , , , , , , ,

 

Sono nata “poetessa” o meglio ancora poeta, per me parola quasi sacra.

Ho iniziato a scrivere proprio scrivendo versi.

Ne leggo e ne scrivo ancora.

Ho pubblicato un romanzo storico su una poetessa, Mariannina Coffa Caruso.

Adesso è uscito un mio libro di cunti in dialetto siciliano, una sorta di Vangelo popolare, contadino. Scritto in endecasillabi a rima baciata.

Vi posto una poesia della Coffa per onorare la Giornata mondiale dedicata alla poesia.

E il prologo dei miei cunti.

Mariannina Coffa - Il ritratto della fata

A Luisa

In un momento d’estasi magnetica

di Mariannina Coffa

(1841 – 1878)

Bella, che il guardo appunti

Oltre il confin della mortale idea,

Che in un solo desio mostri congiunti

Il cor che piange e il core che si bea,

Dell’occhio onniveggente

Raggio disceso nell’argilla muta,

Miracol novo d’armonia tu sei!

D’un’armonia dolente

Che parla a’ mesti e l’anima trasmuta

In un sogno di luce a’ sogni miei.

Farfalla innamorata

Ch’ergi le penne oltre le vie del sole

Pel tuo foco medesmo inebrîata,

Sibilla arcana per le tue parole,

Se il mistico pensiero

Che di cielo ti veste opra è del Nume,

Anch’io piango… ti adoro… e grido anch’io:

– Ecco un baleno dell’eterno vero,

Ecco una fiamma dell’etereo lume,

Ecco la creta che sospira a un Dio! –

Se l’anima potesse

Varcar la meta che le diè natura,

E gir soletta a quelle plaghe istesse

Da cui ne venne immacolata e pura,

Per gli occhi onde riveli

Fiamma cotanta io la vedrei rapita

Peregrinante a le commosse sfere,

E direbbe al pietoso astro de’ cieli:

Deh, riprendi i miei sogni e la mia vita,

Ma non torni alla terra il mio pensiere!-

No, non fuggir… consenti

Che teco io sugga l’armonie passate,

E l’ebrezza dell’alma e i voli ardenti

Che mi fero in un gaudio amante e vate.

Lascia ch’io beva il riso

Di tue movenze allor che ti favella

Lo spirito accenso per virtu del core:

Lascia ch’io m’erga al sospirato eliso,

Ch’io voli in grembo a la perduta stella,

E gridi al mondo: – L’anima non more! –

Il mio romanzo FERITA ALL’ALA UN’ALLODOLA sulla poetessa Mariannina Coffa.

PROLOGO

 

Vi salutu, gentili mei litturi.

Ju nun vi vulissi fari annujari,

ma sulu arricriàrivi e cuntari

quacchi parabula ’i Nostru Signuri.

 

Quannu Iddu pi lu munnu girava

cu l’Apostuli appressu priricannu,

r’’a vita e r’’a motti jeva parrannu,

e tanti cosi riceva e ’nsignava.

 

Ascutàtili viatri macari,

rapennu ’aricchi ma cchiù assai ’u cori.

Tuttu passa. ’A so’ parola nun mori.

Ascutàti. Beni sulu pò fari.

QUANNU ‘U SIGNURI PASSAVA P’ ‘O MUNNU (Algra editore)

Annunci