Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ricevo dal’amica Giusy Cancemi Di Maria e pubblico:

Ricevo e pubblico (grazie a Giusy Cancemi Di Maria):

“Inchiostro e Anima.”, ripercorre tutto il percorso della seconda edizione del concorso letterario dedicato a Franca Viola, concorso grazie al quale abbiamo salvato tre vite umane.
Dopo la serata dedicata alla sezione B, ci occuperemo della sezione C, sezione racconti.
Saranno letti tutti gli autori taggati.
Vi aspettiamo in tanti giovedì 09 Aprile dalle 22:00 per il terzo appuntamento.
Invitate tutti i vostri amici ad ascoltare la radio, qui reciterò stralci dei brani degli autori.
Per ascoltare dal cellulare:
http://tunein.com/radio/RADIO-QUATZ-ARTS-s242792/
Per ascoltare dal pc:
http://www.radionomy.com/en/radio/radioquatzarts
Invitate i vostri amici anche nella pagina, grazie. Con Nicola Manzani, Roberto Formentini, Maria Caudarella, Corrada Spataro e tutti gli autori taggati. Si ringraziano anche i giurati che puntualmente citiamo durante le serate dedicate a Inchiostro e Anima, Giulio Cusumano, Maria Vittoria Cerami, Rosalba Di Vona, Sebastiano Diamante Teresa Nicastro Francesca De Michele, Aldo Di Carlo, Santa Privitera e il nostro amico, dal grande cuore e dalla nobiltà d’animo non indifferente, Francesco Cusumano , ringraziamo anche i TerrArsa e i I Policandri. Grazie di cuore a tutti.

Ascolterete quindi il mio racconto… che vi ripropongo anche qui.

http://radioquatzarts.playtheradio.com/

Sono stata lieta di partecipare a questo concorso, sia per il tema, sia per la figura di Franca Viola, sia per il fine meritorio della vendita delle antologie del concorso.

Ringrazio Elena Rizza di EMA 365 Artist (Beauty Concept store – Hair & Beauty – Make-up artist – Video/Photo Production – Models Management – Art direction – Event – Fashion – Art) per le splendide foto scattate durante la serata di premiazione del concorso INCHIOSTRO E ANIMA, tenutasi il 22 novembre a Palermo nella cornice del Teatro Chrystal.

Maria Vittoria Cerami consegna il riconoscimento… terzo posto per il mio racconto, che ho il piacere di farvi leggere qui e che oggi 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne, è stato letto a Noto da Miriam Scala in occasione della presentazione dell’antologia INCHIOSTRO E ANIMA (ringrazio ancora una volta sia l’assessora Cettina Raudino che gli amici del concorso), il tutto nella Sala di Lettura della Biblioteca comunale Principe di Villadorata.

Vi ricordo che scrivendo a Giusy Cancemi Di Maria potrete richiedere il libro.

UN PAIO DI SCARPE ROSSE

Io e mia sorella viviamo in una grande casa.

La nostra stanza è piccola ma confortevole e abbiamo tante amiche con cui vivere e giocare insieme quando la nostra padrona dorme.

Noi scarpe siamo fatte così: sorelline nate assieme, a passeggio al lavoro nella scarpiera, sempre insieme.

La nostra felicità è farci scegliere da una vetrina – prendi noi, prendi noi! Riuscite a sentirci quando lo diciamo? –, stare ai piedi della nostra padrona, farla camminare comoda, renderla più elegante e bella. Perché no? Farla felice.

La nostra padrona si chiama Lidia. Ci tratta benissimo: ci spolvera, ci pulisce, ci spazzola. Non ci tira mai per aria quando torna a casa, neanche quando è stanca morta o quando è arrabbiata. O triste.

Come ieri.

Ma cominciamo dalla punta. Perché se fosse per mia sorella inizieremmo dal tacco.

Allora. Noi scarpe nasciamo in coppia, invece le donne il compagno se lo devono cercare. O è lui che cerca loro.

Lidia un giorno è tornata contenta come un’infradito il primo giorno di mare: aveva conosciuto un uomo affascinante e gentile.

Per uscire la prima sera con lui ha scelto proprio noi, che emozione!

Quando è tornata a casa insieme a lui siamo tornate nella scarpiera come sempre, ma eravamo fiere di noi stesse: Lidia quella sera era bellissima anche grazie a noi…

Per un po’ di tempo è filato tutto liscio.

Poi sono iniziate le discussioni, le urla, i pianti.

Una sera addirittura lui ci ha fatte volare per aria:

˗ Perché ti metti ’ste scarpe? Sembri una puttana, sembri… le metti perché stasera viene anche lui?

E giù schiaffi.

È andata sempre peggio, da allora.

˗ Me ne vado.

Finalmente Lidia ha trovato il coraggio di dirglielo.

Lui ha pregato, supplicato. Poi ha minacciato.

Ma lei niente. La valigia era pronta, gli scatoloni pure. C’eravamo anche noi, fasciate nella carta velina.

Mia sorella adesso vorrebbe arrivare al tacco. Sinceramente anche io.

Ma non sappiamo come sia finita.

Noi siamo ancora nella carta velina. Vuote.

E la nostra padrona ancora non è tornata.

Ringrazio ancora La Carovana degli artisti, un pugno di giovani entusiasti e convinti che la poesia e il racconto siano armi pacifiche per risvegliare e sensibilizzare le coscienze…

Giusy Cancemi Di Maria, Cetta Lentinello, Gianluca Pipitò, Pamela Li Manni che ha dato voce alle mie parole… grazie!

Ecco la locandina della serata… e il link ad un articolo che ne parla.

http://www.ragusatg.it/2014/10/07/inchiostro-e-anima-il-22-novembre-la-finale-del-concorso-letterario/

Uno dei momenti più toccanti, oltre alla premiazione virtuale di Franca Viola – ha ritirato il riconoscimento l’ispettore Cusumano – è stato l’ingresso in teatro di Vincenzo Agostino e della moglie, che chiedono giustizia per il figlio poliziotto ucciso nell’89.

“Non si possono servire due padroni: mio figlio aveva scelto lo Stato, la legalità”.

Bravissimi i Terrarsa con le loro sonorità siciliane – le cover della Balistreri, bellissime! – e gli attori della compagnia dei Policandri con il loro corto teatrale.

La terza edizione sarà dedicata alla poetessa e patriota netina Mariannina Coffa… questo il gioioso annuncio dato da Giusy Cancemi Di Maria durante la seconda giornata del convegno SGUARDI PLURALI dedicato alla poetessa.

Ma per intanto godiamoci le suggestioni dell’edizione in corso, dedicata a Franca Viola, luminosa figura dell’emancipazione femminile. Donna semplice e forte, ultimamente insignita di una prestigiosa onorificenza dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

http://it.wikipedia.org/wiki/Franca_Viola

L’antologia della seconda edizione del concorso letterario internazionale INCHIOSTRO E ANIMA è stata venduta durante la serata per sostenere la lotta di chi aiuta le donne in difficoltà. Eccola…

Racconti e poesie per celebrare l’universo femminile.

Racconti e poesie contro la violenza di genere e la violenza in genere.

Racconti e poesie per tributare onore a una donna speciale: Franca Viola, icona suo malgrado. In realtà donna vera, donna che non si è piegata al sopruso, che a testa alta ha rivendicato i propri diritti di ragazza di donna di figlia di sposa di madre. Per se stessa e per tutte. Per tutti.

Un concorso internazionale giunto alla seconda edizione.

Raffaella Mauceri, presidente regionale del Coordinamento donne siciliane contro la violenza, insieme ad una giuria qualificata, hanno decretato la rosa dei finalisti.

Riporto le parole di Giusy Cancemi Di Maria, che fa parte de “La carovana degli artisti” insieme a Pamela Li Manni, Gianluca Pipitò e Cetta Lentinello.

Con immensa gioia comunichiamo agli autori la scaletta relativa alla serata conclusiva del 22 Novembre, al prestigioso teatro Crystal di Palermo: esordiremo con dei versi che narreranno il nostro stato d’animo rispetto a questa tematica; dopo una breve presentazione ufficiale, premieremo con grande onore la donna dal cuor di leone che tanto amiamo, Franca Viola; presenteremo un gruppo musicale: Terrarsa, il quale esordirà con una canzone dedicata alla signora Viola; presenteremo un’altra donna dal coraggio costante: la dottoressa Raffaella Mauceri, e daremo ad essa il tempo di spendere qualche parola che le veste l’anima; incomincerà la premiazione dei primi tre classificati per ogni tema, intervallati da interpretazioni musicali del gruppo Terrarsa, e dalle interpretazioni delle opere che hanno raggiunto il primo posto; dulcis in fundo, assisteremo all’interpretazione teatrale scritta da Serafina Ignoto, dedicata alla signora Viola; la serata si concluderà con i ringraziamenti dell’Associazione La Carovana degli Artisti, a tutti coloro i quali l’hanno sostenuta.

La Carovana degli Artisti

Ecco l’articolo uscito domenica 5 ottobre su LA SICILIA.

DSC06001

E qui potete leggere le parole dell’avv. Teresa Nicastro, giurata del premio.

” Ringrazio gli organizzatori del concorso per avermi dato l’opportunità di approfondire una tematica delicata come il femminicidio, invitandomi come giurata. Sottolineo il termine opportunità nel suo significato più pregnante, di occasione contingente favorevole, ciò a significare, che questo concorso con le sue opere di prosa e poesia, ha creato un’ulteriore occasione per portare avanti un tema antico, ma purtroppo, sempre più di attualità, con una considerazione e una ribalta sempre maggiore, con la speranza che, anche, le istituzioni ne colgano la gravità sociale e la necessità urlata da più fronti di addivenire a soluzioni preventive e a sanzioni più severe. Ciò può avvenire laddove chi di competenza capisca, come da più parti specificato, che il femminicidio non è” da considerare un delitto di ordine pubblico, ma culturale”, di una certa “ cultura” che vede la donna un oggetto di appartenenza, la quale “complice” la sua crescente emancipazione fa scattare meccanismi ossessivi e possessivi, meccanismi da prevenire e combattere. Tutto ciò, richiede uno sforzo e un impegno congiunto, di tutti, per educare, sensibilizzare, cambiare la mentalità e di conseguenza i comportamenti. Ma soprattutto, ci si auspica, che occasioni come queste arrivino dritte al cuore delle vittime, con la speranza, che arrivi loro, con toni alti, la nostra solidarietà, affinché, non provino paura né vergogna e siano sempre più consapevoli che denunciare è meglio che subire. Ringrazio, ancora, gli organizzatori e gli autori, per avermi regalato un momento di pura emozione. Nelle nostre vite, scandite da fretta, stress, appuntamenti ed impegni di lavoro, emozionarsi davanti ad una ottima lettura è una vera rarità. Aldilà della bravura artistica degli autori, ho saputo apprezzare, infatti, la loro capacità di regalare emozioni vere, e perché no, anche, il piacere di provare  una sana e umana commozione.”

                                                                                  Avv. Teresa Nicastro

Ecco un link che parla del premio… con l’anticipazione che riguarda l’anno prossimo!

http://www.canale8news.it/2014/11/violenza-sulle-donne-icnhiostro-anima-il-concorso-letterario-dedicato-a-franca-viola/

Annunci