LA CIVETTA DI MINERVA del 2 giugno 2017

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ecco il nuovo numero del giornale bisettimanale LA CIVETTA DI MINERVA!

 L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono
Sostieni il nostro impegno: chiedilo in edicola. Per te è solo un euro, per noi un grande aiuto, per la realtà sociale un mezzo di informazione libero, unico e originale. Non fermiamo le poche voci che sono svincolate da chi decide cosa e quando bisogna sapere. L’informazione è potere. Riappropriamoci della capacità di avere un nostro strumento d’informazione. Ti aspettiamo!
Ecco uno dei miei ultimi articoli confluiti sul sito…

Interessante mostra documentaria su 400 anni di vicende femminili. Non solo aborti, stupri e delitti ma anche testamenti e figure storiche. Donne dalle condizioni socioeconomiche diverse, donne dalle storie variegate, donne da conoscere e ricordare

La Civetta di Minerva, 19 maggio 2017

Sarà visitabile fino al 31 maggio 2017 – quindi anche durante l’Infiorata – nei saloni espositivi di Palazzo Impellizzeri, sede della Sezione di Noto dell’Archivio di Stato di Siracusa, la mostra documentaria ”Storie di donne nei documenti d’archivio”.

L’esposizione, inaugurata a marzo con un evento teatrale suggestivo, l’emozionante performance delle artiste Chiara Spicuglia, Rina Rossitto e Miriam Scala, che hanno dato respiro e anima con “Voci di donne” a Gaetana Midolo, Marianna Ciccone e Franca Viola, accompagnate dal gruppo dei ragazzi del S.Cuore –,  è stata realizzata utilizzando la documentazione proveniente da vari fondi archivistici: fascicoli processuali della Gran Corte Criminale, atti notarili, atti dell’Università di Noto e Prefettura, tutti documenti riferiti a vicende e figure femminili del nostro territorio vissute nell’arco di quattrocento anni.

Regestazione ed allestimento della mostra sono stati curati dalle archiviste della Sezione di Noto, Giuseppina Calvo e Anna Lorenzano, con la collaborazione di Maria Teresa Azzarelli. Coordinatore della mostra è Concetta Corridore, direttore dell’Archivio di Stato di Siracusa. Importante anche il contributo di Salvatore Zuppardo, che ha realizzato la brochure esplicativa dell’esposizione.

Il visitatore sarà suggestionato da tante voci provenienti dal passato: quella del charaullo – meraviglia lessicale per una tradizione tipicamente siciliana – che motus amore divino perdona la moglie adultera nel 1551, quella di Eleonora Nicolaci che parla attraverso il proprio testamento, quella del letterato e scienziato avolese Giuseppe Bianca che ringrazia la poetessa e patriota netina Mariannina Coffa per il dono della sua pubblicazione “Nuovi Canti” (1859)…

Interessante notare anche il progresso della condizione femminile (vedi il documento sull’Unione donne italiane ad esempio) nell’ambito dell’istruzione e dell’introduzione alle professioni.

Toccante leggere l’atto di nascita di Gaetana Midolo, che morì appena quindicenne nel rogo della fabbrica newyorkese “Triangle Waist Company”: insieme a tante altre operaie, sfruttate e sottoposte a condizioni di lavoro disumane, è una delle “camicette bianche” la cui vicenda ha dato origine alla tradizione dell’8 marzo e che è stata studiata da Ester Rizzo (il volume sulle ricerche della studiosa è edito da Navarra editore e ha permesso di dare un nome e far intitolare vie ed altri spazi pubblici alle operaie, 24 delle quali siciliane, morte nell’incendio della fabbrica di camicie).

Agghiaccianti le notizie relative ad aborti stupri e quelli che oggi chiameremmo con parola moderna “femminicidi”: Barbara e tante, troppe ragazze e perfino bambine (intollerabile la bestiale violenza su una bimba di quattro anni) gridano ancora il proprio dolore per le torture e la morte inflitte loro da conoscenti, parenti, tutori oltre che sconosciuti.

Donne dalle condizioni socioeconomiche diverse, donne dalle storie variegate, donne da conoscere e ricordare.

La mostra permette quindi di ripercorrere secoli di storia non solo locale sulla condizione femminile: fare memoria può servire non solo a riascoltare le voci delle donne del passato ma a farsene ispirare per migliorare le condizioni di vita e lavoro di chi ancora, sfruttato, umiliato e vittima di violenza, non trova voce né giustizia.

Ecco la rubrica Chiesa e dintorni, dove troverete vari articoli sulla vita del Santuario e non solo…

Storie del Settecento siciliano rivivono animate dalla forza scenica e musicale dell’artista. E di teatro-canzone in effetti si tratta, basato sui testi e le musiche della sua omonima e recente pubblicazione. Il progetto è impreziosito dalle opere dell’artista americana Hollis Hammonds

La Civetta di Minerva, 21 aprile 2017

Ieri 20 aprile alle ore 21, presso il CineTeatro “Aurora” di Belvedere (un plauso particolare va a Nino Motta per le sue rassegne di cinema d’essai e per l’organizzazione di eventi lontani dal mainstream dove cinema, musica e parola si fondono), Carlo Muratori e il Folkstudio Ensemble hanno presentato in anteprima nazionale lo spettacolo di teatro-canzone “Dies irae – La cantata di li rujni”, basato sui testi e le musiche della sua omonima e recente pubblicazione (Le Fate editore), cui è accluso “Catastrofi e storie di popolo”, un libro dello storico Luigi Lombardo, da cui sono tratti anche i testi delle storie che ha musicato Muratori. Il progetto è impreziosito dalle opere dell’artista americana Hollis Hammonds.

Storie del Settecento siciliano che rivivono animate dalla forza scenica e musicale dell’artista. Una lingua siciliana arcaica, apocalittica, teatrale, roboante nella emozionante rappresentazione dello smarrimento popolare dinanzi alla morte e alla distruzione. Processioni di santi e di beate chiamate a raccolta per intercedere e arginare la rabbia di un Dio furente e vendicativo contro i peccati dell’uomo.

La determinazione della gente di Sicilia a sperare per risorgere dalle macerie. Scene di un vissuto popolare dinanzi alle catastrofi mai archiviato definitivamente come l’attualità dei nostri giorni sembra riproporci.

Muratori dipana la sua narrazione all’interno di un’inedita struttura musicale dove convergono recitativi e arie cantate, parole per una musica senza tempo. L’artista si muove tra le sembianze di un moderno cantastorie, un novello personaggio delle Cantate barocche e un cantautore dalle raffinate intuizioni.

Sul palco insieme a Muratori le attrici Cristina Gennaro e Ilenia D’Izzia, i musicisti Maria Teresa Arturia pianoforte e fisarmonica, Christian Bianca al violino, Matteo Blundo alla viola, Stefania Cannata al violoncello, Francesco Bazzano alle percussioni.

“Dies irae” secondo le stesse parole del “chianta-autore”, come ama autodefinirsi, “è il racconto di una umanità dolente che prende sulle sue spalle una catastrofe come il terremoto o l’eruzione dell’Etna e attraverso tutta una serie di riti propiziatori e purificazioni che ottiene grazie a Maria e ai Santi risorge dalle sue macerie”. Un racconto fatto nella lingua dei nostri avi, il metro endecasillabo tanto caro a Dante Alighieri che il popolo siciliano utilizza con una maestria straordinaria: “Ratimi aurenzia gentili signuri / cosi trimenni vorrò accuminzari / Cumanna Cristu pi li piccaturi / e ogni uomo c’avissi a pinzari”.

“Succurru a vui supremu Criaturi / dati forza a sta lingua spiegari / ‘n vènniri di notti a li cincu uri / menu ‘na quarta se è giustu parrari / forti la terra accuminzau a trimari”.

Parole che i richiamano cantàri, i poemi epici, che hanno un che di omerico, di canto d’aedo.

Muratori con “I Cilliri” aveva esplorato il repertorio folk siciliano, approfondendo nei suoi lavori successivi la ricerca sul patrimonio etnoantropologico della Sicilia (pensiamo a “Pesah” e ai riti siciliani della Pasqua, con i “lamienti” sul Cristo condannato e morto in Croce e il dolore mariano); con il libro-cd “Sale” aveva regalato un viaggio fatto di mare e salgemma nella Sicilia attuale, in quella del ricordo e della Storia (il nostro dibattuto Risorgimento, i fatti di Bronte, la poetessa Mariannina Coffa…).

Adesso con “Dies irae” – ricordiamo che sono le prime due parole della celeberrima sequenza del Requiem: “il giorno dell’ira” – un’indagine poetico-musicale sul terremoto del 1693 che cambiò il volto della Sicilia sudorientale e le eruzioni dell’Etna, sul modo siciliano di rappresentare e autorappresentarsi.

Il Comandante della Polizia Stradale a colloquio coi ragazzi delle scuole. “Assurdo che accada un incidente per un selfie”. “Proviamo una grande tristezza quando suoniamo un campanello per comunicare un lutto sulla strada”

 

La Civetta di Minerva, 7 aprile 2017

La vita vale più di un selfie: con il messaggio dei giovani vincitori del contest sulla sicurezza stradale si è conclusa il 5 aprile, presso il Multisala Planet (Cineteatro Vasquez) di Siracusa, una delle fasi più significative della manifestazione dedicata alla diciassettesima edizione del Progetto “Icaro”, promosso dalla Polizia di Stato con la collaborazione del Miur e della Facoltà di Psicologia dell’Università “La Sapienza” di Roma.

Il comandante della polizia stradale Antonio Capodicasa ha parlato con noi de “La Civetta di Minerva” sia da professionista che come uomo e padre, mostrando il lato umano del lavoro quotidiano proprio e di quelli che chiama “i miei ragazzi”: rischiano la vita ogni giorno per la nostra sicurezza gli “angeli in blu”, come li ha definiti Mimmo Contestabile, maestro delle cerimonie sempre impeccabile e ironico – media partner dell’iniziativa sono SiracusaOggi.it ed FM Italia, con Anna Brancati e Ornella Vella dallo studio a coinvolgere gli studenti, tra cui quelli dei Licei Quintiliano, Corbino ed Einaudi di Siracusa, nell’elaborazione di uno status su WhatsApp per ideare uno slogan sulla sicurezza.

Significativa la messa in scena, ad opera della compagnia “Il Sipario”, dello spettacolo “17 minuti”, lavoro teatrale del regista e attore Riccardo Lionelli: flash tratti da quella che potrebbe essere la quotidianità dei ragazzi, fatta di lezioni a scuola, compiti a casa e uscite con gli amici, amori e dissapori, lacrime di rabbia e gioia, di gelosia e dolore. Al centro della pièce, la fretta che avvolge con le sue spire le nostre vite, l’invasività dei social network se permettiamo loro di condizionare la nostra esistenza, la necessità di compiere le scelte giuste e di avere modelli educativi validi – contro il narcisismo patologico che ormai ha preso possesso di chi dovrebbe fare da guida alle giovani generazioni.

Ma ecco la nostra conversazione con il comandante Capodicasa.

Qual è lo scopo che vi siete proposti?

L’obiettivo non è quello di fare paternali o di illustrare agli studenti gli articoli del codice della strada, ma cercare di divertire ed emozionare i giovani per farli riflettere sui comportamenti e sulle scelte che possono impattare sulla propria vita e su quelle degli altri.

Da dove è partita l’idea che ha dato vita a questo progetto?

Dalla quotidianità del nostro lavoro di funzionari di polizia. La repressione fa parte dei nostri compiti istituzionali, ma si è pensato di investire sulla formazione per prevenire gli incidenti e sensibilizzare soprattutto i giovani, anche se spesso siamo noi adulti a sbagliare e a trasmettere modelli negativi di comportamento: i ragazzi sono lo specchio delle nostre scelte sbagliate. Non vorremmo mai, come funzionari di polizia e soprattutto come esseri umani, suonare a un campanello, alzare una cornetta, digitare su un palmare un numero per comunicare un lutto che è come un ergastolo del dolore.

Toccante in questo senso la testimonianza di Deborah Lentini, mamma di Stefano Pulvirenti, che ha detto “Basta” alle foto di ragazzi che perdono la vita sulla strada, “Basta” al dolore delle mamme come lei, come quelle di Chierzi e Caruso (ricorderete certamente gli ex corbiniani falciati da un terribile incidente) e tante altre che nessuna sentenza potrà mai risarcire.

Quali sono stati i riscontri dell’iniziativa?

C’è stata nel corso degli anni una contrazione significativa del numero delle vittime: dai circa 8000 morti l’anno siamo passati a poco più di 3400. Anche le tipologie di infrazioni che noi sanzioniamo sono cambiate: oggi, forse anche grazie al Progetto Icaro, c’è una maggiore consapevolezza dei rischi che si corrono mettendosi alla guida in modalità scorretta e sapere che il 74% dei ragazzi che hanno partecipato al progetto ha cambiato la propria mentalità alla guida di un veicolo per noi è un grandissimo risultato.

Che risonanza ha avuto il progetto?

L’Italia ormai è capofila nell’Unione Europea su questa tematica: con il nome di “Icarus” il progetto è diventato una ricerca ad ampio respiro che coinvolge ricercatori, studiosi, fondazioni e associazioni.

La legge del 2016 sull’omicidio stradale ha avuto una ricaduta significativa sul vostro lavoro?

Sicuramente. Non si parla più di omicidio colposo ma di omicidio stradale con la legge 41 del 23 marzo 2016 ed è un cambiamento importante; stiamo assistendo a una modificazione di certi comportamenti sbagliati alla guida. Adesso la nostra sfida è la lotta – oltre che naturalmente che contro la guida in stato di ebbrezza o dopo l’assunzione di stupefacenti – al multitasking: è assurdo che si provochino incidenti per inviare un sms o scattare un selfie (si calcola che compiere queste operazioni mentre si è alla guida equivalga a procedere alla cieca dai quattrocento agli ottocento metri circa).

Come avete trovato l’approccio comunicativo più adatto per arrivare ai giovani?

La comunicazione passa attraverso il divertimento, la musica, il ballo. La stessa pista teatrale proposta è stata un percorso per giungere a veicolare il messaggio finale.

Testimonial d’eccezione del progetto sono stati “I soldi spicci”, il duo comico formato da Annandrea Vitrano e Claudio Casisa (imminente l’uscita del loro primo film, dopo l’enorme successo sui social, con oltre un milione di visualizzazioni per i loro video che ritraggono in chiave ironica e intelligente aspetti della quotidianità; Casisa ha anche preso parte ad un episodio de “Il giovane Montalbano”): vicini al mondo dei ragazzi, hanno saputo divertire e nello stesso tempo, secondo le loro stesse parole, “approfittando della popolarità, far giungere ai giovani come noi dei messaggi positivi”.

E ancora…

Tratto da un libro del giornalista Carmelo Miduri, si girerà a Noto. Tra i  ricoverati nell’ospedale il figlio di un mafioso di Portella della Ginestra. Carabiniere scopre una verità inattesa

La Civetta di Minerva, 7 aprile 2017

Monti Sicani, anno scolastico 1960-1961. Tempo di emigrazione, di fame, di malattie che oggi associamo ai paesi del Terzo e Quarto mondo. Una parola che fa paura: tracoma. Un misterioso sanatorio bianco, teatro di cure contro la cecità, di severità, di punizioni come in un campo di prigionia. Tra gli ospiti dell’ospedale, il figlio di uno dei mafiosi di Portella della Ginestra. Un carabiniere indaga e scoprirà una verità inattesa.

Questa la trama del racconto del giornalista Carmelo Miduri “I bambini della Croce bianca”, edito da Arnaldo Lombardi, che in autunno diverrà un film per la produzione di Paolo Ghezzi grazie ad un protocollo d’intesa con il Comune di Noto, location delle riprese; verranno utilizzate risorse professionali del luogo e si tenterà di valorizzare architetture e paesaggi di quella che è certo una perla del Barocco siciliano.

La storia, realmente avvenuta nel comune di Bivona in provincia di Agrigento, diverrà dunque un film per la regia di Andrea Zaniol; tra gli interpreti, Francesco Di Lorenzo, Gennaro Piccirillo e Lorenzo Falletti. Tra gli artisti siciliani cui è stato proposto di collaborare c’è inoltre il musicista – o come ama definirsi il “chiantautore” – Carlo Muratori.

Il libro “I bambini della Croce Bianca” nelle primitive intenzioni di Miduri, autore sia di saggi che di opere di narrativa, sarebbe dovuto diventare un’opera teatrale, ma l’incontro con l’attore Di Lorenzo ha fatto virare l’operazione verso tutt’altri lidi. Significativa e toccante è stata l’esperienza del ritorno nei luoghi dove la storia ha avuto origine: Bivona e il tracomatosario. La documentazione fotografica, l’incontro con i protagonisti superstiti di una vicenda triste, fatta di povertà, abbandono, sofferenza hanno reso più intensa la scrittura della sceneggiatura.

L’iniziativa non solo contribuirà a gettare nuova luce su una vicenda del nostro recente passato spesso sepolto nell’oblio, ma potrà essere l’occasione di convogliare nuove energie per legare le produzioni cinematografiche alla valorizzazione del nostro territorio – pensiamo al Collettivo Frame Off composto da giovani professionisti che hanno investito nel campo documentaristico e che si sono lanciati in questa nuova sfida.

CHI E’ CARMELO MIDURI

Carmelo Miduri (Augusta 1951), giornalista professionista. Ha lavorato per vari

quotidiani ed altri mezzi di informazione. Esperto di comunicazione di impresa, ha

ricoperto ruoli di responsabilità nei servizi di comunicazione di varie organizzazioni, docente in corsi di Comunicazione, direttore di pubblicazioni tecniche, autore di

documentari televisivi.

Ha pubblicato saggi e testi di narrativa: Dal vostro corrispondente (Studioemme Edizioni, 1988), Siracusa anni ottanta (Romeo Edizioni, 1990), La boa e il terremoto

(Ediprint, 1991), Il tempo che non ricorderai (Lombardi Editore, 2002), Lezioni di comunicazione (Lombardi Editore, 2003), Un anno in quaranta e-mail (Lombardi

Editore 2005), L’Ufficio Stampa nella Comunicazione Pubblica (Lombardi Editore, 2012, Raffineria di Augusta, Storia di uomini e di progresso (ExxonMobil, 2015), Psico-Intervista alla Crisi ( Lombardi Editori, 2016).

E ancora…

Dieci anni sono un’eternità nel vorticoso fluire di post consumati in pochi secondi, eppure non sembra inutile volgersi indietro per rimirare il cammino compiuto per poi solcare nuovi spazi su carta e pixel

La Civetta di Minerva, 7 aprile 2017

Un tempo artisti, poeti e intellettuali si ritrovavano nelle accademie, poi venne il tempo dei caffè letterari,luoghi di elaborazione artistica e spesso laboratori politici, di certo volano per le nuove idee, centri di propaganda per le correnti innovatrici in ogni ambito del sapere.

Oggi è tempo di social, di piazze virtuali: Twitter, Facebook e tutte le piattaforme che consentono di condividere testi, immagini, video. I blog – diari di bordo telematici, mi piace definirli – sono stati e sono ancora per certi versi una via di mezzo tra l’incontro de visu e quello mordi e fuggi dei like e dei tweet: botteghe, laboratori, officine in cui il blogger scrive e condivide post a tema oppure OT, off topic. Alcuni di questi sono dei punti di riferimento per gli intellettuali o gli appassionati di letteratura e non solo, anche se il loro ruolo di filtro e catalizzatore di energie e materiali ora sembra polverizzato tra le bacheche di Facebook sulle quali tendono ormai a spostarsi le discussioni on line.

Oggi, venerdì 7 aprile alle ore 18, presso la Casa del Libro Rosario Mascali in via Maestranza a Siracusa,Simona Lo Iacono (scrittrice e magistrato, autrice de “Le streghe di Lenzavacche” per i tipi di E/O, romanzo finalista al Premio Strega 2016) presenterà insieme a Daniela Sessa, docente di Lettere del Liceo Quintiliano di Siracusa, il volume “Letteratitudine 3 – Letture, scritture e metanarrazioni (LiberAria editore), curato dallo scrittore e blogger Massimo Maugeri, ideatore del blog “Letteratitudine”, che festeggia il decennale. Interpreteranno alcuni dei “fantasmi” letterari del libro Arianna Vinci, Beatrice Margagliotti e Sofiya Vlasova.

Il 10 marzo scorso Massimo Maugeri era stato ospite dell’Istituto Tecnico Commerciale P. Branchina di Adrano (CT) nell’ambito della manifestazione “Viaggio tra le parole”, mentre la prima assoluta di “Letteratitudine 3” si è tenuta presso La Feltrinelli di Catania il 17 gennaio in occasione della serata inaugurale del nuovo anno di incontri della libreria.

“Letteratitudine 3” viene dopo altri due volumi (editi da Azimut e Historica Edizioni) in cui Maugeri ha fatto il punto del suo decennale lavoro, trasformando in cartaceo il meglio delle discussioni di quello che è uno dei blog d’autore del gruppo Kataweb/L’Espresso. Il taglio di questo libro, che chiude quasi un’ideale trilogia, è differente: possiamo leggerlo sia come un manuale di lettura che come un prontuario di scrittura – possiamo infatti sbirciare nell’antro di quelli che sono gli alchimisti della letteratura italiana (e non solo) contemporanea –, possiamo “navigarlo” quasi come un blog o un sito Internet per saltare da uno scrittore a un personaggio a un libro. Particolarmente interessante è la sezione dedicata alle autofiction, ai racconti ideati dagli scrittori per presentare i loro libri, quasi una sorta di selftailer, mentre è un vero e proprio tuffo nella passione per la lettura il poter leggere le lettere a personaggi letterari e autori scomparsi. Particolarmente opportuno per ricordare un faro della nostra letteratura è il l’omaggio a Vincenzo Consolo, raccolta di saggi che chiude il volume.

Massimo Maugeri, che all’attività di blogger unisce quella di collaboratore di testate come “Il Venerdì” di Repubblica, su Radio Hinterland cura e conduce Letteratitudine in Fm, trasmissione culturale di libri e letteratura, scrive romanzi, racconti e saggi; Trinacria Park (Edizioni E/O, 2013), inserito da Panorama nell’elenco dei dieci migliori romanzi italiani pubblicati nel 2013, è stato insignito del Premio Vittorini, del quale purtroppo segnaliamo la scomparsa, perché ha rappresentato un emblema di siracusanità. Maugeri ha anche ricevuto premi come l’Addamo, il Martoglio, il Portopalo – Più a Sud di Tunisi e il Premio Internazionale Sicilia “Il Paladino”, per ricordare soltanto quelli siciliani.

L’evento di oggi servirà a ricordare il decennale del blog e i fili da questo creati fra autori, librai, bibliotecari, traduttori, editori, accademici, esperti e semplici lettori, istituti italiani di cultura all’estero e università: tutto quanto gravita intorno al libro è gravitato tra le pagine virtuali di “Letteratitudine” con la sua costola dedicata alle news letterarie.

Dieci anni sono un’eternità nel vorticoso fluire di post consumati in pochi secondi, eppure non sembra inutile volgersi indietro per rimirare il cammino compiuto per poi solcare nuovi spazi su carta e pixel e magari trovare nuovi sentieri in un mondo come quello editoriale che ha visto la rivoluzione di Internet, la nascita dell’e-book e l’esplodere dei social con l’orizzontalizzazione della conoscenza. Non sembra nostalgico rileggere nomi e nickname che si rincorrevano sulle autostrade telematiche, ritrovandosi in autogrill virtuali per condividere frasi, versi, citazioni, recensioni, riflessioni, auguri, scherzi letterari… Come dimenticare Sergio Sozi (il ponte con la Slovenia insieme alla moglie Veronika Simoniti, traduttrice), Carloesse Sirotti Speranza, Eventounico, Enrico Gregori, Laura Costantini e Loredana Falcone, Gea, Cristina Bove, Maria Di Lorenzo, Stefano Mina, Francesco Didò Didomenico, Salvo Zappulla, Teresa Santalucia Scibona, Fausta Maria Rigo, solo per ricordare qualche nome? Rubriche dedicate al diritto, alla scuola, alle alternative ai classici, cene letterarie, collaborazioni… per dieci anni è stato possibile accalorarsi dietro un monitor ticchettando di libri su una tastiera, magari a tu per tu con l’autore del libro che ci aveva tanto emozionato, insieme a tanti altri come noi che compartiscono l’amore per la lettura e la scrittura.

“Letteratitudine” forse ha addirittura travalicato le primitive intenzioni del suo ideatore, che voleva unire Letteratura e “sicilitudine” contro la solitudine, superando i limiti di lati- e longitudine. Un blog multidimensionale, poliedrico come le geometrie evocative della copertina del volume.

Al Faro Santa Croce. A sessant’anni dalla morte di Tomasi di Lampedusa il direttore di Naxoslegge e una studiosa incontrano i liceali

La Civetta di Minerva, 7 aprile 2017

La sirena”, racconto lungo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, è conosciuto anche col titolo di “Lighea”, nome che la moglie dell’autore aveva scelto per chiamare la protagonista – essere di mezzo tra il reale e il fantastico – della novella, scritta nell’inverno del 1956-1957 durante una purtroppo brevissima ma felice stagione narrativa dello scrittore de “Il Gattopardo”.

Pubblicato solo postumo nel 1961 da Feltrinelli, il racconto (il cui manoscritto era stato consegnato da Elena Croce, figlia di Benedetto, filosofo e critico, a Giorgio Bassani, curatore e prefatore del volume) narra l’incontro fra Rosario La Ciura, classicista e professore in pensione, e il giovane nobile Paolo Corbera di Salina, laureato in legge, bon vivant e galleggiatore nel mare magnum del giornalismo.

Dalle conversazioni dei due nella Torino del 1938, nebbiosa e cupa, si passa al piano dei ricordi: il professore rivelerà al giovane l’incontro fatato con la sirena Lighea, avvenuto sulle coste ancora selvagge di Augusta, in una Sicilia a metà tra la realtà e il mito.

Sabato 8 aprile, nell’ambito di “Naxoslegge”, in collaborazione con il Liceo classico “Megara” di Augusta, SulidArte, La giara di Brucoli, Circolo Unione Augusta, Italia Nostra, Historica Edizioni, Fulvia Toscano, direttore artistico di Naxoslegge, e Maria Antonietta Ferraloro, studiosa di Tomasi di Lampedusa – si terranno comunque altri incontri in vari comuni siciliani, nonché in luoghi cari all’autore del Gattopardo, come Ficarra, la Fondazione Verga a Catania, Santa Margherita del Belice, Palma di Montechiaro, Capo d’Orlando con la Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella, Ragusa-Donnafugata, Giardini Naxos, Taormina, Palermo e Messina, con il coinvolgimento di enti, scuole, fondazioni, parchi Letterari, accademie e associazioni – incontreranno i ragazzi del Liceo di Augusta; verrà inoltre proposta l’intitolazione di una piazzetta a Lighea di Tomasi di Lampedusa presso il Faro Santa Croce. Interverranno la dirigente scolastica M.C. Castorina e le docenti Di Venuta e Insinga, oltre alle autorità e alle associazioni partner dell’iniziativa.

La casa editrice Historica edizioni di Francesco Giubilei, il più giovane editore italiano, pubblicherà una sorta di cahier di viaggio dell’esperienza per celebrare nel biennio 2017/2018 i sessant’anni trascorsi dalla morte dello scrittore e dalla prima pubblicazione de “Il gattopardo”.

Particolarmente significativa è la volontà di legare le parole di Tomasi ai luoghi che le hanno ispirate, in un’ottica non solo di valorizzazione ma soprattutto di custodia della memoria.

 http://www.lacivettapress.it/it/index.php?option=com_content&view=article&id=2214:tra-avola-e-noto-echeggiar-di-versi-per-la-festa-della-poesia&catid=18&Itemid=145

Riempite strade, piazze, cortili e chiese con note di armonia, canti, musica. Questa edizione dedicata a Salvatore Di Pietro, l’anno prossimo a Corrado Carbè

La Civetta di Minerva, 24 marzo 2017

Domenica 19 marzo, in occasione della Festa mondiale della poesia ad Avola, declinata in due giorni speciali tra Avola e Noto, si sono concluse la quindicesima edizione di “Dalle otto alle otto” e la sesta edizione di “Libri di-versi in diversi libri” dedicata a Salvatore Di Pietro: Carlo Sorgia, Alessandra Nateri Sangiovanni e Maria Pia Vido si sono classificati rispettivamente al primo, secondo e terzo posto in quella che non è tanto una tenzone letteraria ma un’occasione di incontro, scambio e crescita nel nome della poesia: in un tempo arido e materialista, in cui scrivere versi sembrerebbe anacronistico e del tutto inutile, poesia è anche riempire strade, piazze, cortili e chiese di Avola e Noto di armonia, canti, musica e, soprattutto, poesie, “celebrando” secondo l’anima di questo concorso, il libraio-editore Ciccio Urso, sostenuto come sempre da Liliana Calabrese, dai giurati e dal manipolo di artisti del Val di Noto che seguono le loro iniziative, “la magia della creatività, spontaneamente e senza programmazione, nonostante l’indifferenza di intellettuali egocentrici e della massa insignificante che ci circonda, e, soprattutto, senza sindaci e assessori e a personaggi di potere, perché l’unico potere abbracciato da ciascuno è quello della fantasia e della bellezza di un verso, dell’incontro con un accadimento inaspettato, ma collegato a ciascuno, e l’adesione entusiastica di persone graditissime”.

Tra i giurati, docenti e poeti: Maria Barone, Corrado Bono, Liliana Calabrese, Antonino Causi, Francesca Corsico, Luigi Ficara, Benito Marziano, Orazio Parisi, Vera Parisi, Fausto Politino, Maria Restuccia, Lilia Urso, Marco Urso e i poeti vincitori Giovanni Catalano, Manuela Magi, Maria Chiara Quartu, Pietro Vizzini, Nina Esposito.

Sono state consegnate le targhe della memoria dedicate a poeti sparsi in diverse città italiane e grazie all’intervento di poeti di diverse regioni italiane, compresa la Sardegna, è stato raggiunto l’obiettivo di creare ponte con gli altri, ascoltando e uscendo da sé, diventando ideali punti di riferimento e modelli di vivere creativo positivo, da moltiplicare nel mondo.

La nuova edizione del concorso letterario verrà come ormai consuetudine dedicata a un poeta amico della Libreria Editrice Urso, scomparso anzitempo, e cioè al poeta-scrittore Corrado Carbè scomparso il 20 febbraio 2017 nel mentre stava partecipando alla precedente edizione di questo Concorso, dove, tra l’altro, si classificava al sesto posto della classifica finale, insieme a Cettina Lascia Cirinnà, Mimma Raspanti, Federico Guastella, Rita Stanzione, Simona Forte, Marianinfa Terranova, Antonella Santoro, Gianluca Macelloni, Grazia La Gatta.

Meritano una menzione particolare e vanno incoraggiati i giovani artisti: in un’edizione di qualche anno fa Davide Giannelli scriveva che quando saprai che stai per morire, / dalle tue ceneri di nuovo un sorriso. / E la tua melodia canterai (da Vivere d’amore).

Miriam Vinci, selezionata nell’edizione 2016/2017, ben rappresenta l’anelito giovanile alla Bellezza nonostante il grigiore del quotidiano e le difficoltà dell’esistenza e ci piace chiudere proprio con i suoi versi, che con voce fresca in ritmi franti ricantano i temi eterni della poesia, tra illusioni ingenue dell’età ed echi leopardiani:

Ed è in questa nudità / che vorrei / vestiti di poesia.

Share

Da tre storie vere un libro e un film, finanziato in parte grazie al  crowdfunding. Le responsabili del progetto: “Gli attori ne hanno acquisito e fatta propria l’esperienza”

La Civetta di Minerva, 24 marzo 2017

Tre storie. Tre desideri che si riassumono in uno solo: essere genitori. Un corto sul delicato e attuale tema dell’adozione è stato girato nel Siracusano. “La Civetta di Minerva” si è incuriosita e ha incontrato per voi i responsabili del progetto, Giovanna Pignataro e Francesco Di Martino.

Come è nata l’idea del corto? È un lavoro autoprodotto o qualcuno ha investito in questo progetto?

“La casa dei conigli di Nola ha iniziato il progetto Aspettiamo! Si tratta di una storia sull’adozione, fatta per lo più di sensazioni, quelle che accompagnano la trafila del percorso adottivo sia dal lato dei futuri genitori sia dal lato dei futuri figli. Questa storia, scritta da Giovanna Pignataro, e divenuta albo illustrato sotto le mani di Tiziano Squillace, sembrava più completa con l’aggiunta di un video, per la precisione un documentario, che potesse raccontare delle storie vere di adozione. Francesco di Martino, documentarista di fiducia, ha subito abbracciato l’idea, aggiungendovi naturalmente il suo punto di vista. È nato così Aspettiamo! Il film, un documentario di finzione: si è deciso di raccontare tre storie vere, prese in luoghi diversi e con presupposti diversi. Francesco e Giovanna sono partiti con le registrazioni dalla voce dei loro protagonisti, in seguito hanno tradotto le storie in sceneggiatura e poi si è passati alle riprese con gli attori che hanno impersonato le tre coppie di genitori adottivi. Il libro di partenza è uscito con Marotta&Cafiero e stampato anche grazie ad una campagna di crowdfunding. Il film di fatto è autoprodotto.

Cast e maestranze sono del Siracusano? In quali location avete girato?

Essendo il regista di Noto, ed essendo necessario tenere bassi i costi, tutte le persone coinvolte nel film sono più o meno del territorio. Stessa cosa per le location che sono state scelte in modo che non fossero precisamente riconoscibili di modo che non si resti legati ad alcuni luoghi particolari, ma che possano essere storie del mondo.

Ecco le parole dello stesso regista: “Abbiamo girato tra Noto, Rosolini e Catania. Una buona parte degli attori sono netini (Carola Pennavaria, che tra l’altro canta nel teaser del corto, Salvatore Tringali, Carlo Genova), due invece da paesini ai piedi dell’Etna (Marta Allegra e Angela D’Amico) mentre uno è ispicese (Giovanni Peligra), tutti attori abbastanza preparati e appartenenti al mondo del teatro. Per loro questo progetto è stato sicuramente una scommessa, una prova, visto che hanno cercato di interpretare al meglio i personaggi senza imitarli (tutti gli attori hanno studiato a fondo i personaggi attraverso le interviste fatte alle coppie vere da me e Giovanna)  ma acquisendone la storia e farla propria.  E soprattutto su ogni scena hanno cercato di non seguire le battute della sceneggiatura ma dei discorsi personali, soprattutto nelle interviste frontali che abbiamo inscenato.

È capitato anche di porre loro delle domande che nel copione non c’erano… e li ho trovati sempre pronti a dare una risposta come se la storia la stessero vivendo loro. In sintesi un esperimento per noi, ma soprattutto per loro.

Il corto è stato pensato per la rete o ci potrà essere una sorta di promozione e distribuzione? Sono previste presentazioni?

Il corto sarà abbinato al libro pubblicato, all’interno del quale c’è un link per scaricarlo. Sicuramente sarà presentato, non appena pronto, insieme al libro che è uscito da pochi giorni.

Secondo quale ottica è visto il tema dell’adozione nel corto? Quale finalità vi siete prefissi nel realizzarlo?

Il libro da cui è partito il progetto si sofferma sulla costante presenza di due mondi paralleli, quello dei genitori adottivi e quello dei bambini che saranno adottati. Il film segue invece le vicende delle coppie di genitori delle tre storie soffermandosi sulle loro difficoltà, sensazioni, sull’enorme mole di stress che comporta il percorso adottivo. La volontà è riflettere su che cosa comporti intraprendere questa strada, per tutti coloro che vi sono coinvolti. Trattandosi di bambini, il tutto è anche delicato e poetico, ma parallelamente ci sono enormi scogli da sormontare e accendere un po’ la luce su di essi non è male…

Per saperne di più: https://www.youtube.com/watch?v=bnSLL3RSmo0

Share

La conferenza nei locali della biblioteca di Noto. Durante l’incontro, organizzato dal Rotaract, musiche eseguite dal maestro Gabriele Bosco al violino, mentre Giuseppe Puzzo, verseggiatore egli stesso, recita alcune liriche della poetessa e propri componimenti inediti

La Civetta di Minerva, 24 marzo 2017

Mariannina Coffa, Una donna tante donneLa poetessa dell’Ottocento che parla alle donne di oggi”: questo il titolo dell’incontro che si terrà domani, venerdì 25 marzo, alle ore 17,30 presso la Biblioteca comunale “Principe di Villadorata” di Noto in via Nicolaci, biblioteca che custodisce amorosamente gli scritti della poetessa e patriota netina. L’incontro si inserisce nella programmazione del Rotaract volta alla valorizzazione del territorio e delle sue risorse culturali in senso lato.

Mariannina Coffa (Noto, 1841-1878), enfant prodige della borghesia netina nel passaggio difficile ed esaltante insieme dalla monarchia borbonica al Regno d’Italia, è stata dunque figlia, sorella, amica – corrispose con gli intellettuali dell’epoca pur senza muoversi dalla Sicilia –, innamorata (fu protagonista di un amore tipicamente romantico con Ascenso Mauceri, musicista e autore di tragedie), sposa malmaritata di un possidente terriero di Ragusa, madre (perse tra l’altro due dei cinque figli), patriota e poetessa (accompagnò con la sua poesia e le sue riflessioni i moti risorgimentali e la sua complessa personalità e spiritualità la portò ad un tentativo di emancipazione dagli stilemi dell’epoca verso soluzioni originali): interpretò ognuno di questi ruoli nonostante i limiti della propria condizione di donna, di siciliana, nonostante la malattia e le incomprensioni del contesto familiare e socio-culturale.

La conferenza, tenuta da Maria Lucia Riccioli, docente e scrittrice, autrice tra l’altro di un romanzo storico, “Ferita all’ala un’allodola”, incentrato proprio su Mariannina Coffa, giurata per due anni consecutivi del concorso di “Inchiostro e anima” intitolato alla Capinera di Noto, alla Saffo netina, tanto per ricordare alcune delle immagini cui la Coffa è stata associata, autrice di un saggio sulla prima tesi di laurea dedicata alla poetessa e inserito nel volume “Sguardi plurali” (Armando Siciliano Editore) curato da Marinella Fiume e uscito per raccogliere i lavori dell’omonimo convegno, oltre che di una lettera immaginaria alla Coffa pubblicata per i tipi di LiberAria in “Letteratitudine 3: letture, scritture, metanarrazioni” (a cura di Massimo Maugeri), sarà moderata da Federica Piluccio, presidente del Rotaract club Noto Terra di Eloro; le musiche che accompagneranno l’evento saranno eseguite dal maestro Gabriele Bosco al violino, mentre Giuseppe Puzzo, estimatore della Coffa e verseggiatore egli stesso, reciterà alcune liriche della poetessa e propri componimenti inediti.

A quasi centoquarant’anni dalla scomparsa della poetessa, la sua biografia e le sue opere presentano ancora fertili campi di indagine (pensiamo alla recente scoperta ad opera di Stefano Vaccaro di un inedito rinvenuto nella biblioteca del Castello di Donnafugata).

L’incontro del 25 marzo sarà occasione di riflessione sul modello femminile incarnato dalla Coffa e offrirà lo spunto per ricordare l’incendio del 25 marzo 1911, nel quale persero la vita le “camicette bianche” (pensiamo allo straordinario lavoro di Ester Rizzo per ridare nome dignità e memoria a queste donne), le operaie della Triangle Waist Company: tra di esse c’era una ragazza netina, Gaetana Midolo, cui è stata dedicata la rotatoria di Piazza Nino Bixio. Nel mese dedicato alle donne, ricordare un’emigrata e una figura del nostro Risorgimento non sembrerà un’operazione azzardata.

Gianluca Vindigni: “E’ un’autentica vocazione. Già al liceo scientifico scoprii di essere sempre più portato per questa lingua, la cui perfezione grammaticale mi travolgeva, che per la matematica. Mi ha sorpreso che scrivesse di me anche Repubblica”

La Civetta di Minerva, 24 marzo 2017

Il 6 marzo scorso Gianluca Vindigni, studente di Vittoria (RG), vincitore come secondo classificato di due certamina nazionali di lingua latina per universitari, espletati a Mascalucia (CT), rispettivamente nel 2015 e nel 2016, è diventato dottore di Lettere classiche laureandosi con una tesi intitolata “De C. Iulii Caesaris sermone commentatio critica”.

Fin qui niente di strano. Ma la tesi è stata sia scritta che esposta (parlando) interamente in latino.

“La Civetta di Minerva”, incuriosita da quella che in passato era la prassi e oggi sembra roba da nerd, ha contattato Gianluca Vindigni, che ha suscitato attorno a quello che poteva essere un traguardo personale e privatissimo un piccolo ma significativo clamore mediatico…Ecco come ha risposto alle nostre domande (in italiano, non preoccupatevi!)

Si attendeva un’attenzione di questo tipo? Non è affatto frequente che una tesi di laurea sia scritta e addirittura discussa per intero in latino…

Ammetto che non mi sarei mai aspettato un successo mediatico di tale grandezza per la mia tesi di laurea. Non tanto perché voglio sminuire il mio lavoro – oggettivamente sono pochi oggigiorno i ragazzi realmente appassionati ed interessati a scrivere e parlare il latino – ma poiché non avrei mai pensato di essere così apprezzato da docenti e giornalisti. Ho avuto una commissione molto disponibile, educata e cordiale, che mi ha permesso di poter realizzare questo mio piccolo sogno, sebbene ancora coi piedi per terra so per certo che la strada è lunga. Sono rimasto sorpreso, lo ammetto, di aver trovato un mio articolo persino sul giornale “La Repubblica”, ma evidentemente la notizia deve aver scosso ed incuriosito parecchi giornalisti e lettori. Non posso che esserne felice!

Torniamo indietro: su quale argomento verte la sua tesi e come mai ha deciso di scriverla nella lingua di Cicerone?

La mia è una tesi filologica incentrata sulla lingua di Cesare, sul suo usus scribendi. L’idea di scrivere una tesi di laurea assolutamente grammaticale mi balenava in testa già da tantissimi anni, considerando che uscii dal liceo scientifico totalmente malato di grammatica latina, a tal punto che da allora non è trascorso un giorno della mia vita in cui io non abbia toccato un manuale di grammatica o non abbia letto classici. La lingua di Cesare da me è stata sempre apprezzata, ed anche in particolar modo direi, per cui ringrazio il mio relatore Vincenzo Ortoleva per avermi serenamente consentito di svolgere la tesi su un argomento e su un autore da me amatissimo. Mi è sempre piaciuto scovare le cosiddette “eccezioni” alla regola nei vari autori, classificarle, analizzarle, e darne una possibile spiegazione. Proprio in questo modo svolsi la mia tesi su Cesare, analizzando principalmente tutte quelle apparenti infrazioni alle regole che sono presenti nei suoi commentari, classificandole e raggruppandole secondo un corretto criterio.

Da dove nasce questo amore per la lingua latina?

Nasce già dai primi anni di liceo scientifico, trascorsi nella mia benamata Vittoria, sotto gli insegnamenti di Daniele Liberto, ora mio grande amico e un tempo mio insegnante di lettere, che mi fece totalmente invaghire di grammatica latina. Giorno dopo giorno scoprivo di essere sempre più portato per questa lingua che per le materie scientifiche, la cui perfezione grammaticale mi travolgeva continuamente. Scoprii di avere quasi una vocazione, di riuscire col tempo a leggere, tradurre, pensare e scrivere il latino senza eccessive difficoltà, così che decisi di intraprendere la carriera di classicista iscrivendomi in lettere classiche all’università degli studi di Catania, a costo di dover imparare la lingua greca da autodidatta; impegno che, tra l’altro, mi fece spendere circa due anni e mezzo in più. L’amore per il latino parlato, invece, nacque dopo il diploma, durante i primi anni di università, seguendo appassionatamente su YouTube i video del Prof. Luigi Miraglia, fondatore della notissima accademia Vivarium Novum e vivissimo cultore del latino parlato, che ebbi l’onore di conoscere poi di persona.

Secondo te come mai proprio nella patria dei Romani, l’Italia, gli studi classici sembrano regredire?

Gli studenti trovano ostico il Latino almeno a pari merito con la matematica… alcuni studiosi ed opinionisti attribuiscono questo alla eccessiva semplificazione dei percorsi didattici, in cui l’unica difficoltà, gli ultimi scogli, sarebbero rappresentati proprio dalla versione di Latino e dal compito di Matematica.

Questione di metodo, di scarsa motivazione…? Come la vedi?

Su questo non posso dire più di tanto, giacché ai miei tempi vi erano ancora cinque ore di latino settimanali al liceo scientifico tali da poter spingere col programma, ma oggi come oggi essendo state scese a tre credo più difficile che dei ragazzi decidano di iscriversi in lettere classiche, anche se chiaramente la speranza che ciò possa continuare a verificarsi non muore mai. C’è troppo poco latino ormai, purtroppo. Per il metodo non saprei cosa dire: io studiai col metodo tradizionale e finii per innamorarmi pienamente della grammatica latina, ma oggigiorno sta divampando qua e là anche il metodo naturale, adottato da moltissime scuole, su cui varie sono le opinioni, sia positive che negative. Sebbene io non lo conosca e difenda ancora il vecchio metodo tradizionale grazie al quale appresi il latino, non posso tuttavia biasimarlo, non essendone ancora venuto a conoscenza. Sarebbe un giudizio a priori, da ipocriti. Credo però che l’unica salvezza dei tempi moderni siano i docenti, giacché, secondo la mia personale esperienza, credo che si possa giungere alla piena passione di una materia anche e soprattutto grazie all’apporto di un ottimo docente, che sappia trasmettere oltre alla cultura anche la propria passione ed il proprio amore.

Potresti dedicare un saluto in latino ai nostri lettori?

Utinam vobis omnibus lingua Latina probetur!

E ancora…

http://www.lacivettapress.it/it/index.php?option=com_content&view=article&id=2215:un-corto-sulle-adozioni-girato-tra-noto-rosolini-e-catania&catid=17&Itemid=143

La Civetta di Minerva, 24 marzo 2017

Tre storie. Tre desideri che si riassumono in uno solo: essere genitori. Un corto sul delicato e attuale tema dell’adozione è stato girato nel Siracusano. “La Civetta di Minerva” si è incuriosita e ha incontrato per voi i responsabili del progetto, Giovanna Pignataro e Francesco Di Martino.

Come è nata l’idea del corto? È un lavoro autoprodotto o qualcuno ha investito in questo progetto?

“La casa dei conigli di Nola ha iniziato il progetto Aspettiamo! Si tratta di una storia sull’adozione, fatta per lo più di sensazioni, quelle che accompagnano la trafila del percorso adottivo sia dal lato dei futuri genitori sia dal lato dei futuri figli. Questa storia, scritta da Giovanna Pignataro, e divenuta albo illustrato sotto le mani di Tiziano Squillace, sembrava più completa con l’aggiunta di un video, per la precisione un documentario, che potesse raccontare delle storie vere di adozione. Francesco di Martino, documentarista di fiducia, ha subito abbracciato l’idea, aggiungendovi naturalmente il suo punto di vista. È nato così Aspettiamo! Il film, un documentario di finzione: si è deciso di raccontare tre storie vere, prese in luoghi diversi e con presupposti diversi. Francesco e Giovanna sono partiti con le registrazioni dalla voce dei loro protagonisti, in seguito hanno tradotto le storie in sceneggiatura e poi si è passati alle riprese con gli attori che hanno impersonato le tre coppie di genitori adottivi. Il libro di partenza è uscito con Marotta&Cafiero e stampato anche grazie ad una campagna di crowdfunding. Il film di fatto è autoprodotto.

Cast e maestranze sono del Siracusano? In quali location avete girato?

Essendo il regista di Noto, ed essendo necessario tenere bassi i costi, tutte le persone coinvolte nel film sono più o meno del territorio. Stessa cosa per le location che sono state scelte in modo che non fossero precisamente riconoscibili di modo che non si resti legati ad alcuni luoghi particolari, ma che possano essere storie del mondo.

Ecco le parole dello stesso regista: “Abbiamo girato tra Noto, Rosolini e Catania. Una buona parte degli attori sono netini (Carola Pennavaria, che tra l’altro canta nel teaser del corto, Salvatore Tringali, Carlo Genova), due invece da paesini ai piedi dell’Etna (Marta Allegra e Angela D’Amico) mentre uno è ispicese (Giovanni Peligra), tutti attori abbastanza preparati e appartenenti al mondo del teatro. Per loro questo progetto è stato sicuramente una scommessa, una prova, visto che hanno cercato di interpretare al meglio i personaggi senza imitarli (tutti gli attori hanno studiato a fondo i personaggi attraverso le interviste fatte alle coppie vere da me e Giovanna)  ma acquisendone la storia e farla propria.  E soprattutto su ogni scena hanno cercato di non seguire le battute della sceneggiatura ma dei discorsi personali, soprattutto nelle interviste frontali che abbiamo inscenato.

È capitato anche di porre loro delle domande che nel copione non c’erano… e li ho trovati sempre pronti a dare una risposta come se la storia la stessero vivendo loro. In sintesi un esperimento per noi, ma soprattutto per loro.

Il corto è stato pensato per la rete o ci potrà essere una sorta di promozione e distribuzione? Sono previste presentazioni?

Il corto sarà abbinato al libro pubblicato, all’interno del quale c’è un link per scaricarlo. Sicuramente sarà presentato, non appena pronto, insieme al libro che è uscito da pochi giorni.

Secondo quale ottica è visto il tema dell’adozione nel corto? Quale finalità vi siete prefissi nel realizzarlo?

Il libro da cui è partito il progetto si sofferma sulla costante presenza di due mondi paralleli, quello dei genitori adottivi e quello dei bambini che saranno adottati. Il film segue invece le vicende delle coppie di genitori delle tre storie soffermandosi sulle loro difficoltà, sensazioni, sull’enorme mole di stress che comporta il percorso adottivo. La volontà è riflettere su che cosa comporti intraprendere questa strada, per tutti coloro che vi sono coinvolti. Trattandosi di bambini, il tutto è anche delicato e poetico, ma parallelamente ci sono enormi scogli da sormontare e accendere un po’ la luce su di essi non è male…

Per saperne di più: https://www.youtube.com/watch?v=bnSLL3RSmo0

Un articolo che mi riguarda e soprattutto riguarda Mariannina Coffa…

http://www.lacivettapress.it/it/index.php?option=com_content&view=article&id=2219:la-riccioli-su-mariannina-coffa-saffo-netina-dell-800&catid=17&Itemid=143

La Civetta di Minerva, 24 marzo 2017

Mariannina Coffa, Una donna tante donneLa poetessa dell’Ottocento che parla alle donne di oggi”: questo il titolo dell’incontro che si terrà domani, venerdì 25 marzo, alle ore 17,30 presso la Biblioteca comunale “Principe di Villadorata” di Noto in via Nicolaci, biblioteca che custodisce amorosamente gli scritti della poetessa e patriota netina. L’incontro si inserisce nella programmazione del Rotaract volta alla valorizzazione del territorio e delle sue risorse culturali in senso lato.

Mariannina Coffa (Noto, 1841-1878), enfant prodige della borghesia netina nel passaggio difficile ed esaltante insieme dalla monarchia borbonica al Regno d’Italia, è stata dunque figlia, sorella, amica – corrispose con gli intellettuali dell’epoca pur senza muoversi dalla Sicilia –, innamorata (fu protagonista di un amore tipicamente romantico con Ascenso Mauceri, musicista e autore di tragedie), sposa malmaritata di un possidente terriero di Ragusa, madre (perse tra l’altro due dei cinque figli), patriota e poetessa (accompagnò con la sua poesia e le sue riflessioni i moti risorgimentali e la sua complessa personalità e spiritualità la portò ad un tentativo di emancipazione dagli stilemi dell’epoca verso soluzioni originali): interpretò ognuno di questi ruoli nonostante i limiti della propria condizione di donna, di siciliana, nonostante la malattia e le incomprensioni del contesto familiare e socio-culturale.

La conferenza, tenuta da Maria Lucia Riccioli, docente e scrittrice, autrice tra l’altro di un romanzo storico, “Ferita all’ala un’allodola”, incentrato proprio su Mariannina Coffa, giurata per due anni consecutivi del concorso di “Inchiostro e anima” intitolato alla Capinera di Noto, alla Saffo netina, tanto per ricordare alcune delle immagini cui la Coffa è stata associata, autrice di un saggio sulla prima tesi di laurea dedicata alla poetessa e inserito nel volume “Sguardi plurali” (Armando Siciliano Editore) curato da Marinella Fiume e uscito per raccogliere i lavori dell’omonimo convegno, oltre che di una lettera immaginaria alla Coffa pubblicata per i tipi di LiberAria in “Letteratitudine 3: letture, scritture, metanarrazioni” (a cura di Massimo Maugeri), sarà moderata da Federica Piluccio, presidente del Rotaract club Noto Terra di Eloro; le musiche che accompagneranno l’evento saranno eseguite dal maestro Gabriele Bosco al violino, mentre Giuseppe Puzzo, estimatore della Coffa e verseggiatore egli stesso, reciterà alcune liriche della poetessa e propri componimenti inediti.

A quasi centoquarant’anni dalla scomparsa della poetessa, la sua biografia e le sue opere presentano ancora fertili campi di indagine (pensiamo alla recente scoperta ad opera di Stefano Vaccaro di un inedito rinvenuto nella biblioteca del Castello di Donnafugata).

L’incontro del 25 marzo sarà occasione di riflessione sul modello femminile incarnato dalla Coffa e offrirà lo spunto per ricordare l’incendio del 25 marzo 1911, nel quale persero la vita le “camicette bianche” (pensiamo allo straordinario lavoro di Ester Rizzo per ridare nome dignità e memoria a queste donne), le operaie della Triangle Waist Company: tra di esse c’era una ragazza netina, Gaetana Midolo, cui è stata dedicata la rotatoria di Piazza Nino Bixio. Nel mese dedicato alle donne, ricordare un’emigrata e una figura del nostro Risorgimento non sembrerà un’operazione azzardata.

http://www.lacivettapress.it/it/index.php?option=com_content&view=article&id=2140%3Adon-luca-saraceno-e-le-domande-su-cristo-la-vita-e-il-mondo&catid=69&Itemid=200

Ecco il link ad uno dei miei ultimi articoli usciti per LA CIVETTA DI MINERVA…

Nell’ultimo libro del sacerdote i quesiti assoluti e perenni che s’incarnano nel nostro quotidiano. Scrittura colta, narrativa, poetica e pregna di pensiero; le meditazioni hanno un piglio di racconto

La Civetta di Minerva, 24 febbraio 2017

Contaminando le parole di papa Francesco e Milan Kundera, Lec, Kierkegaard e Kant, interrogando il Vangelo, padre Luca Saraceno – parroco e docente di Ermeneutica filosofica e Storia della filosofia moderna e contemporanea presso lo Studio Teologico San Paolo di Catania, docente invitato di Filosofia sistematica all’Istituto Superiore di Scienze Religiose San Metodio di Siracusa –, che si era occupato in un precedente volume – La saggezza delle lacrime. Papa Francesco e il significato del pianto (EDB, Bologna 2015) – del senso del piangere umano e divino, in Tempo di domande. La passione di Gesù si racconta (EDB, Bologna 2016) chiede ai testi sacri, a se stesso e ai lettori il senso delle domande di Gesù, disquisisce sull’arte della domanda e pone Cristo, la vita di ognuno di noi e del mondo come domanda assoluta e perenne, che si incarna nel quotidiano, con le sue scelte e i suoi dubbi, i rovelli e le illuminazioni.

Scegliamo questo momento per presentare ai lettori de La Civetta di Minerva questo volumetto, insieme a Con gli occhi di Maria. La preghiera del Rosario (uscito sempre per i tipi delle Edizioni Dehoniane di Bologna nel 2016), proprio perché dopo gli effimeri fasti del Carnevale inizia un tempo forte e significativo: “La Quaresima, tempo di preparazione al passaggio della grazia, è il frammento che raccoglie domande umane e divine; la Pasqua, spazio di contemplazione amorosa e operosa, è il frattempo che racchiude racconti fraterni e filiali” (p. 7).

La scrittura di Padre Luca è colta, narrativa, poetica e pregna di pensiero insieme; le meditazioni, pensate per ogni stazione della Via Crucis o per le poste del Rosario nel caso del volume sulla Madonna, hanno un piglio di racconto e di pausa contemplativa insieme, con il gusto della parola scelta e preziosa. Con gli occhi di Maria. La preghiera del Rosario rappresenta infatti una meditazione su Maria, un invito a ripensare la preghiera del Rosario e la vita stessa (di cui l’antica e sempre nuova preghiera è figura, simbolo, allegoria, col suo percorso vocale, mentale e spirituale sulla trama della ripetizione di Ave, Pater e Gloria), attraverso i misteri della compassione, della misericordia (leitmotiv dell’anno giubilare appena trascorso), attraverso la vita di Maria e Gesù e la nostra.

Approfitto per rinnovare la mia attestazione di stima verso il direttore Franco Oddo e il vicedirettore Marina De Michele per la loro passione e il loro impegno per un giornalismo non allineato.

Grazie anche a tutta la redazione per i sacrifici e il tempo per scrivere rubato ad altro.

Per finanziare LA CIVETTA DI MINERVA, che è sostenuta solo da sponsor privati ed è un esempio di stampa libera da vincoli, l’idea è quella del crowdfunding, cioè la ricerca di fondi.

La civetta, animale sacro a Minerva: il simbolo del giornalismo che raccoglie informazioni e poi le analizza e le argomenta offrendole alla società perché diventino l’humus di un pensiero critico.

Da questa interpretazione del giornalismo  nel settembre del 2009 nasce il progetto dell’edizione cartacea del La civetta di Minerva, giornale antimafia, no profit.

http://www.lacivettapress.it/ it/

Difesa dell’ambiente e del territorio,  multiculturalismo, welfare, etica politica, economia sostenibile, lotta contro ogni forma di sfruttamento, prevaricazione e corruzione sono i nostri temi.

In soli sette anni di attività abbiamo sostenuto – nonostante la scarsità di risorse e quasi solo grazie ai nostri stessi contributi – importanti battaglie nel settore delle energie rinnovabili, della gestione privata del servizio idrico, contro la  costruzione del rigassificatore di Priolo-Melilli, a favore del blocco delle trivellazioni petrolifere in Val di Noto. Poi, tra le nostre numerose inchieste, quella “storica” sulla Procura della Repubblica di Siracusa ci è valsa il premio giornalistico nazionale Mario Francese 2012.

Tuttavia la nostra battaglia per la legalità ci ha portato più nemici che introiti e adesso la Civetta rischia la chiusura definitiva. Abbiamo bisogno di voi per salvarla!
Le donazioni verranno usate per finanziare il giornale e le attività che possano contribuire a tenerlo in vita e a promuoverne la diffusione.

Il nome di ogni donatore verrà stampato in uno spazio dedicato del giornale che potrà accogliere anche proposte e considerazioni (previa valutazione della loro liceità). Ciascuno riceverà il PDF del numero in uscita che presto potrete leggere anche grazie ad un’app.

———————————————————————–

The owl, sacred to the roman goddess Minerva: the symbol of aan active journalism, which collects, analyzes and discuss information in order to provide society with a booster for critical thought .

This interpretation of journalism led to the birth, in september 2009, of  the anti-mafia, non-profit, print newspaper, La Civetta di Minerva.

http://www.lacivettapress.it/it/

Our mission is to oppose environmental threats, corruption, exploitement, and abuse of power; and to promote multiculturalism, welfare, ethical politics, and sustainable economy.

Even though we had little money – motly provided by the journalists ourselves – in seven years we fought important battles: against water privatization; against the building of the regasification unit in the high risk area of Priolo-Melilli; against oil drilling in the historical area of Val di Noto. Among our many investigative reports, the “famous”one on the judges of the Procura della Repubblica di Siracusa was rewarded with the national Mario Francese prize for anti-mafia journalism.

However, our battle for legality brought us more ennemies than funds and now La Civetta risks to close for ever. We need you to save it!
Your donations will be used to support the newspaper and every activity which can contribute to its survival and outreach.

The name of every donor will be printed in a specific section of the newspaper, where your ideas and proposals can also be hosted (after previous evaluation of their legitimacy). Moreover, every donor will receive a PDF version of next issue and will be able to read it through an app.

http://www.lacivettapress.it/it/

LA CIVETTA esce ogni due venerdì e poi molti articoli confluiscono nel sito, dove troverete anche aggiornamenti e novità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...