Tag

, , , , , , , , , , , , ,

E ora vacanze, relax e una buona lettura!

Vi offrirò ogni giorno qualche parola tratta dai miei libri, magari sarà uno spunto per riflettere emozionarsi sognare…

Intanto buona estate e stay tuned!

FERITA ALL’ALA UN’ALLODOLA (PerroneLab, Roma 2011 e L’Erudita editrice, 2013)

«Allonsanfandelapatrìie…».

Mariannina ride e si tuffa nel panciotto del nonno Caruso. Da sempre il loro saluto è un gioco, un codice segreto concertato tra loro due. Il nonno con l’idolatrata Marsigliese, cantata in faccia anche ai borbonici incarniti, Mariannina che gli vola tra le braccia e poi si fa contare novità di innesti e sementi.

Giuseppe Caruso Olivo è medico e le piante del suo giardino sono i suoi pazienti più amati. Non si lamentano mai, rispondono alle cure coi profumi e i colori che desidera.

«Peccato che non mi paghino l’onorario» scherza accarezzando amorosamente i boccioli delle nuove rose.

E un bocciolo di rosa è questa nipote, pianta fragile, scossa da tutti i venti, pallida e smunta che la metteresti in una serra per risparmiarle l’inverno.

 

Parla con accenti rapidi, tronchi, come un uccellino che trilli saltando da un ramo all’altro. Questa bambina dal viso dolce, col sorriso che le increspa gli angoli del volto e invita a pizzicarlo o a mangiarlo di baci, Mariannina è la nipote prediletta di Caruso.

«Scrivi sempre?»

«Oh sì, nonno, ma lo sai, non posso leggerti niente se lui non vuole.»

«Lui chi?»

S’è convinta, Mariannina, che l’angelo di Dio, che è il suo custode – illuminatemi, custoditemi, reggetemi e governate me, che vi fui affidata dalla pietà celeste amen – insomma, l’angelo che ha imparato a conoscere a casa e a dottrina, s’è fissata che non si occupi solo della sua anima, crede che sia lui a dettarle i versi, che le ispiri argomenti, forma, persino rime.

Gli darà – ma ancora non è tempo, lasciamola crescere – addirittura un nome: Uriel.

Tutti la lasciano fare, è così docile e tranquilla che le si perdona ogni pensiero le passi per quella testolina riccioluta. Certe sue uscite lasciano tutti a bocca aperta.

E poi divora libri su libri. Molti di quelli che legge sono prestiti e regali del nonno Caruso. O del nonno paterno.

Mariannina attinge avidamente alla biblioteca di Giuseppe Coffa. Evita, seppure a malincuore, gli scaffali proibiti – i libri sunu comu il mangiare, Mariannina. Certuni sunu avvilinati, specialmente per le signorine comu a tia – e ne riemerge con un carico di volumi come se li dovesse strappare al naufragio di una nave o all’incendio di un monastero.

Un pomeriggio s’avventurò a rovistare il mondo impolverato, ma tenuto in decoroso ordine, nascosto dagli sportelli intarsiati.

Trovò vecchi scartafacci del nonno. Passò le dita su una copertina ricoperta da quella grafia che conosceva bene. Era il copione – incredula, continuava a rileggere e sbocconcellare brani di quei fogli sottratti all’oblio – di una commedia eseguita in Noto il dì 11 Xmbre 1839, per la prima volta, applaudita, se non la commedia, almeno molto la esecuzione.

Ripeté a mezza voce il titolo. Gli effetti della prosunzione.

Alzò gli occhi guardandosi intorno, quasi sgomenta. Sembrava un ammonimento del nonno contro la superbia latente di quella nipote così dotata. Si ripromise di leggere la commedia e di tenere conto dell’avvertimento che le giungeva da quelle pagine vergate prima che lei nascesse. Ripose con cura il manoscritto, chiuse con attenzione lo sportello dell’armadio di noce spesso e si allontanò con la consueta scorta di libri sottobraccio. L’odore di marocchino e carta stantia la stordì per un istante. Assestò meglio il carico e uscì in silenzio.

«Veramente fu molto applaudita la vostra commedia?».

«L’interpretazione degli attori sicuramente», si schermì nonno Coffa.

Dunque non si dilettava solo di lettere italiane e latine. Scriveva pure. Come lei.

«Anche io voglio scrivere una commedia, anzi una tragedia.»

«Addirittura…» sorride Giuseppe Coffa.

L’entusiasmo della nipote lo inorgoglisce. I suoi fratelli maschi non hanno il suo ingegno, questo è sicuro. «C’è tempo, c’è tempo, Mariannina. Pensa a studiare. Puoi sentire il profumo delle rose solo quando sbocciano.»

QUANNU ‘U SIGNURI PASSAVA P’ ‘O MUNNU, Algra Editore, Viagrande (CT) 2014.

PARABULA

 

’Ngnonnu Cristu cu li soi cumpagni

si truvò a gghiri muntagni muntagni.

C’erunu petri tutt’ntornu a iddi,

accussì tanti quantu sunu ’i stiddi.

Cristu pigghiò ’na petra e s’ ’a carriau,

e ai so’ discipuli accussì parrau:

«Figghioli mei, faciti comu a mia,

pigghiati ’na petra e facemu ’sta via.

Acchianamu poi supra ’dda muntagna,

p’arrivari ’nfinu a ’dda campagna».

L’apostuli erunu stranizzati,

ma vistu ca c’erunu abituati,

(sempri stranu era lu so’ parrari)

cci jeru appressu senza ciatiari.

Ma Petru, c’aveva sempri cchi ddiri,

cci rissi: «Signuri, ma unn’âm’a gghiri?

’Sti to’ paroli su’ daveru strani:

ma c’âm’a ffari cu ’sti mazzacani?».

«Petru, Petru, sempri tu ha’ prutistari?

Fai comu l’autri e nun ti preoccupari.

Quannu poi arrivamu unn’âm’a gghiri

ti ricu chiddu ca tu vuoi sapiri».

Petru s’abbozza e va c’ ’e’ cumpagni,

c’appressu a Cristu scalaunu ’i muntagni.

Ma poi penza: ”E ju chi sugnu fissa,

ca mi fazzu ’na gran chianata ’i chissa,

cu supra e’ spaddi ’nu gran cuticchiuni,

ca paru ’n mulu c’acchiana ’n vadduni?

’Na pitrùddula è megghiu ca mi pigghiu.

Nostru Signuri di Diu è lu figghiu,

e ju criru e’ paroli r’ ’a so’ ucca,

ma nun sacciu ’stu sceccu unni si cucca”.

Petru, cuntentu p’ ’a bedda pinzata,

cogghi ’na petra e cumincia ’a chianata.

E’ so’ cumpagni ci trimàunu l’anchi,

e arrivaru ’nt’ ’a cima ciunchi e stanchi.

Petru, ca si crirìa cchiù furbu ’i riddi,

arrivò satannu comu l’ariddi.

Supra lu monti c’era ’n praticeddu,

unni s’assittò ’u Signuruzzu beddu.

«Figghioli mei, ora n’arripusamu:

mittiti cca ’i petri e poi manciamu».

«Uora, Maistru, chi n’âm’a manciari?

’Sti petri ni facisti carriari».

«Uomini senza fidi, chi pinzati?

Cririti a mia e uora taliati».

Tempu nenti, ’nta li so’ mani,

tutti li petri addivintaru pani.

Cu avia pigghiatu li cuticchiuni,

li scanciò cu granni filuni,

cu si caricò petri pisanti,

jappi cuccirati e panini abbunnanti.

Petru ammeci, cu ’dda petra nnica,

si varagnò sulu… ’na muddica.

Tutti arristaru senza riri nenti,

ma poi manciaru, tutti cuntenti.

Ammeci Petru stava mutu mutu,

tuttu affruntatu e cunfunnutu.

Allura ’u Signuri cu la so’ vuci,

accussì putenti ma tantu duci,

ci rissi a tutti ’i cumpagni:

«Cu havi fidi smovi li muntagni!

Cu porta ’a so’ cruci cu pazienza,

ju ci rugnu ’na gran ricumpenza,

cu soffri cu speranza e amuri

ju lu cunzolu di tutti li duluri.

Tu, Petru, ca ti st’ammucciannu,

a ’st’ura stassutu manciannu,

ma si’ piddunatu, veni ni mia,

ca pani cci nn’è macari pi ttia».

’U capìsturu chi vuleva riri?

Biatu è chiddu ca criri!

 

 

Se scopri uno scarico in mare, 

i Carabinieri devi chiamare…

Se qualcosa in mare va storto, 

c’è la Capitaneria di Porto.

(da LA BANANOTTERA, VerbaVolant edizioni, Siracusa 2015)

Alla fine della storia di Nana la balenottera gialla, ovvero la bananottera, mi sono divertita a mettere in rima il decalogo di Legambiente per godere del mare senza inquinare né sporcare.