Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Algra Editore nasce da un “sogno realizzato” Ne parliamo con il suo creatore Alfio Grasso

Riporto dal sito di Sicilia Report…

Algra Editore nasce da un “sogno realizzato” Ne parliamo con il suo creatore Alfio Grasso
Interrogato a proposito di ebook: Io sono un romantico nel senso più stretto del termine e per me il libro stampato è un cofanetto di sogni, emozioni, speranze…

Di Susanna Basile il 2 Ago, 2019

https://www.siciliareport.it/editoria/algra-editore-nasce-da-un-sogno-realizzato-ne-parliamo-con-il-suo-creatore-alfio-grasso/?fbclid=IwAR0rhKgU_7VT1jUmzqHhhalvae0TLWOIERTR9OYcvsBw0ws6GrW02EYL40g Ancora più notizie su https://www.siciliareport.it

Come nasce Algra Editore?

Algra Editore nasce da un sogno, il mio. Nell’ormai lontano 2000 mi affacciai per la prima volta nel mondo dell’editoria come autore, pubblicando il mio primo libro e realizzando quello che per me, allora ventenne, era il più grande desiderio. Cominciai ad approfondire la mia conoscenza di questo straordinario settore imprenditoriale e mi resi subito conto di quanto fosse affascinante. Compresi di avere un sogno ancora più grande, ossia quello di realizzare i sogni degli altri. Così, mentre ancora completavo gli studi, pur continuando a pubblicare i miei lavori, chiesi al mio editore di collaborare con lui. Cominciò in questo modo una lunga e importantissima gavetta che mi portò, non soltanto a lavorare a tempo pieno per la casa editrice, ma soprattutto a imparare l’importanza di ogni ruolo al suo interno. Poi, dopo tanti anni di lavoro presso l’editore, dove imparai letteralmente il mestiere, si fece forte in me il desiderio di muovere i miei primi passi da solo, di prendere le mie scelte, di correre i miei rischi, di avere una personale produzione alla quale dare un’impronta che fosse mia. Insomma, maturò in me il desiderio di avere un mio marchio editoriale. Così, nel giugno del 2013 mi licenziai e, immediatamente, fondai Algra Editore.

Qual è la sua mission e la sua vision?

L’editore è fondamentalmente un imprenditore che lavora nel campo della letteratura. Valuta le proposte che riceve e investe su quelle che reputa interessanti per il pubblico dei lettori. Tuttavia, il suo ruolo ha una fortissima impronta sociale che lo carica di una grande responsabilità. I libri, infatti, hanno un grande potere, cioè quello di sopravviverci, di rimanere per sempre. A volte si mantengono sempre attuali, altre vengono dimenticati per poi essere rivalutati o riscoperti dopo tanti anni, ma ci sono sempre e rimangono in eterno. Attraverso l’istruzione, e quindi la lettura, siamo stati in grado, nel corso dei secoli, di crescere come uomini, di conquistare le nostre libertà, di acquisire la consapevolezza dei nostri diritti e dei nostri doveri. Inoltre, un buon libro, che sia un saggio o un romanzo, è uno spaccato importante della realtà storica, culturale, politica del periodo in cui viene scritto. Molti degli usi, dei costumi, delle idee del passato li abbiamo appresi dalla nostra letteratura. Dunque, è vero che scrivere è un esercizio terapeutico che fa sicuramente bene a tutti, ma è altrettanto vero che la mission di ogni editore, certa…
https://www.siciliareport.it/editoria/algra-editore-nasce-da-un-sogno-realizzato-ne-parliamo-con-il-suo-creatore-alfio-grasso/?fbclid=IwAR0rhKgU_7VT1jUmzqHhhalvae0TLWOIERTR9OYcvsBw0ws6GrW02EYL40g Ancora più notizie su https://www.siciliareport.it

Alfio Grasso è l’editore del mio libro di cunti QUANNU ‘U SIGNURI PASSAVA P’ ‘O MUNNU edito da Algra Editore – ringrazio ancora tutta casa Algra per la fiducia, Orazio Caruso e Maria Rita Pennisi per la loro curatela, Sebastiano Burgaretta per la preziosa introduzione, Maria Francesca Di Natale e Alessio Grillo per i disegni e la copertina… e soprattutto Alfio per averci creduto, Alessandra e Rossella per il loro calore…

Vi offro qualche contributo sul libro…

PARABULA 

’Ngnonnu Cristu cu li soi cumpagni
si truvò a gghiri muntagni muntagni.
C’erunu petri tutt’ntornu a iddi,
accussì tanti quantu sunu ’i stiddi.
Cristu pigghiò ’na petra e s’’a carriau,
e ai so’ discipuli accussì parrau:
«figghioli mei, faciti comu a mia,
pigghiati ’na petra e facemu ’sta via.
Acchianamu poi supra ’dda muntagna,
p’arrivari ’nfinu a ’dda campagna».
l’apostuli erunu stranizzati,
ma vistu ca c’erunu abituati,
(sempri stranu era lu so’ parrari)
cci jeru appressu senza ciatiari.
Ma Petru, c’aveva sempri cchi ddiri,
cci rissi: «Signuri, ma unn’âm’a gghiri?
’Sti to’ paroli su’ daveru strani:
ma c’âm’a ffari cu ’sti mazzacani?».

«Petru, Petru, sempri tu ha’ prutistari?
fai comu l’autri e nun ti preoccupari.
Quannu poi arrivamu unn’âm’a gghiri
ti ricu chiddu ca tu vuoi sapiri».
Petru s’abbozza e va c’’e’ cumpagni,
c’appressu a Cristu scalaunu ’i muntagni.
Ma poi penza: “e ju chi sugnu fissa,
ca mi fazzu ’na gran chianata ’i chissa,
cu supra e’ spaddi ’nu gran cuticchiuni,
ca paru ’n mulu c’acchiana ’n vadduni?
’Na pitrùddula è megghiu ca mi pigghiu.
Nostru Signuri di Diu è lu figghiu,
e ju criru e’ paroli r’’a so’ ucca,
ma nun sacciu ’stu sceccu unni si cucca”.
Petru, cuntentu p’’a bedda pinzata,
cogghi ’na petra e cumincia ’a chianata.
e’ so’ cumpagni ci trimàunu l’anchi,
e arrivaru ’nt’’a cima ciunchi e stanchi.
Petru, ca si crirìa cchiù furbu ’i riddi,
arrivò satannu comu l’ariddi.

Supra lu monti c’era ’n praticeddu,
unni s’assittò ’u Signuruzzu beddu.
«figghioli mei, ora n’arripusamu:
mittiti cca ’i petri e poi manciamu».
«uora, Maistru, chi n’âm’a manciari?
’Sti petri ni facisti carriari».
«uomini senza fidi, chi pinzati?
Cririti a mia e uora taliati».
Tempu nenti, ’nta li so’ mani,
tutti li petri addivintaru pani.
Cu avia pigghiatu li cuticchiuni,
li scanciò cu granni filuni,
cu si caricò petri pisanti,
jappi cuccirati e panini abbunnanti.
Petru ammeci, cu ’dda petra nnica,
si varagnò sulu… ’na muddica.
Tutti arristaru senza riri nenti,
ma poi manciaru, tutti cuntenti.
Ammeci Petru stava mutu mutu,
tuttu affruntatu e cunfunnutu.

Allura ’u Signuri cu la so’ vuci,
accussì putenti ma tantu duci,
ci rissi a tutti ’i cumpagni:
«Cu havi fidi smovi li muntagni!
Cu porta ’a so’ cruci cu pazienza,
ju ci rugnu ’na gran ricumpenza,
cu soffri cu speranza e amuri
ju lu cunzolu di tutti li duluri.
Tu, Petru, ca ti st’ammucciannu,
a ’st’ura stassutu manciannu,
ma si’ piddunatu, veni ni mia,
ca pani cci nn’è macari pi ttia».
’u capìsturu chi vuleva riri?
biatu è chiddu ca criri!

Grazie a Santo Privitera de LA SICILIA per la recensione uscita sulla pagina della Cultura giovedì 29 settembre 2016…

Dopo la splendida esperienza di Save the Beauty, dopo l’accoglienza degli amici floridiani, sono stata ancora in giro a portare il mio libro di cunti QUANNU ‘U SIGNURI PASSAVA P’ ‘O MUNNU (Algra editore)… sono stata ospite del 36simo convegno regionale del MASCI Sicilia presso il Santuario di Maria Santissima Scala del Paradiso a Noto (SR). A proposito, questo era un luogo carissimo alla protagonista del mio romanzo FERITA ALL’ALA UN’ALLODOLA, la poetessa e patriota netina Mariannina Coffa Caruso. Ringrazio dell’invito l’amico Carmelo Maiorca.

… nella categoria Libri editi di poesia, QUANNU ‘U SIGNURI PASSAVA P’ ‘O MUNNU ha ricevuto una segnalazione di merito al Premio Letterario Il Convivio 2016 – Premio Poesia, Prosa e Arti Figurative e Premio teatrale “Angelo Musco”!

La cerimonia di premiazione si è tenuta nella splendida Giardini Naxos! Ringrazio ancora Carmela Tuccari e il Presidente del premio Angelo Manitta…

 

20160320_175707

Il 2 luglio 2014 è stata pubblicata la raccolta di “cunti” in dialetto siciliano “Quannu ‘u Signuri piassava p’ ’o munnu”, con prefazione di Sebastiano Burgaretta, immagini di Alessio Grillo e Maria Francesca Di Natale, per i tipi di Algra Editore (collana “Fiori blu”, diretta da Maria Rita Pennisi e Orazio Caruso), oggetto di un reading presso l’aula consiliare del comune di Solarino il 28 luglio 2014 nell’ambito della mostra “È… vento d’arte” e in occasione del tour della stessa mostra il 5 settembre 2014 l’autrice ha tenuto un nuovo reading presso il Parco culturale “Lucia Migliaccio” di Floridia (SR).

Il 24 settembre 2014 il libro è stato presentato ufficialmente presso la Feltrinelli di Catania dai relatori Sebastiano Burgaretta, poeta ed etnologo, che ne ha curato anche la prefazione, e Orazio Caruso, docente, scrittore, organizzatore culturale, curatore insieme a Maria Rita Pennisi della collana “Fiori Blu” di Algra editore.

Il 27 settembre, presso il MOON di Siracusa, insieme ai poeti e performer Patti Trimble – che ha presentato il lavoro realizzato con Ramzi Harrabi –, Chris Iemulo, Mounir Ben Younes, il libro è stato protagonista del reading “100 Thousand Poets for Change”.

Il 26 ottobre “Quannu ‘u Signuri passava p’ ‘o munnu” è stato presentato presso il Centro studi di tradizioni popolari “Turiddu Bella” di Siracusa da Maria Bella e Sebastiano Burgaretta (letture curate dall’autrice insieme a Dominella Santoro), mentre il 12 novembre è stato presentato dalla stessa autrice presso la biblioteca del Liceo Corbino-Gargallo di Siracusa.

Il 27 dicembre presso la Casa del Libro Rosario Mascali di Marilia Di Giovanni l’autrice ha presentato “Quannu ‘u Signuri passava p’ ‘o munnu” insieme ad Alfio Grasso. Il volume è stato presentato nuovamente ad Aci Bonaccorsi (CT) presso la Cantina Bonaccorsi insieme al frontman degli Archinuè il 4 gennaio 2015, in occasione delle serate del ciclo delle Domeniche in Cantina, insieme agli Archinuè e al pittore Ezio Fichera.

Il 17 gennaio l’autrice ha presentato il libro assieme a Maria Rita Pennisi presso la Sala Scacchiera del Resort San Biagio ad Acireale, ospite della FIDAPA di Acireale e di BPW Italy, esibendosi anche come cantante eseguendo tre pezzi in dialetto siciliano accompagnata dalla presidente dell’associazione, Vera Pulvirenti.

Il 20 gennaio l’autrice è stata intervistata da Paola Parisi presso gli studi di Auchan – Porte di Catania per il programma “Buoni o cattivi”, trasmesso da Antenna One.

Il 2 marzo, in occasione della manifestazione “Volontariato in… scena” organizzata dalla Rete del volontariato di Catania e dall’Assessorato al Welfare e condotta dall’attrice Egle Doria, l’autrice è stata ospite dell’associazione Tiresia interpretando due cunti da “Quannu ‘u Signuri passava p’’o munnu” presso il Teatro Stabile di Catania – Teatro Verga.

Il 31 marzo il libro è stato ospite degli studi di ZERONOVE TVin occasione della registrazione della settima puntata del format BUC, una trasmissione sui libri condotta dalla scrittrice Simona Lo Iacono.

Il 9 aprile alle 21.30 e l’11 aprile alle 15.30 è andata in onda l’intervista realizzata da Paola Parisi su “Quannu ‘u Signuri passava p’ ‘o munnu” per TeleOne e Trs (canale 19 del digitale terrestre). Presentatori Giovanni Nicastro e Luca Seminara.

Il 25 aprile “Quannu ‘u Signuri passava p’ ‘o munnu” è stato presentato al Siracusa Book Festival, il 10 giugno alla Galleria Roma di Siracusa per la rassegna “Cibo & Arte”, il 13 giugno e il 13 luglio al Caffè letterario fridericiano a Rosolini.

Il 17 luglio l’autrice è stata ospite de “I venerdì dell’anima” della Casa del Libro Rosario Mascali e ha letto i suoi cunti in dialetto accompagnata dal maestro Valerio Massaro alla chitarra.

Il 30 agosto, presso Palazzo Barbagallo a Nicolosi (CT), l’autrice è stata tra gli autori della Notte bianca di Algra editore, evento condotto da Antonella Guglielmino e patrocinato dal Comune di Nicolosi.

Il 18, 19 e 20 settembre l’autrice ha preso parte al Catania Book Festival presso il Cortile Platamone.

Il 19 marzo l’autrice è stata protagonista insieme a Donatella Motta di un recital poetico-musicale presso l’AFAM (Associazione Amici della Musica di Floridia), ospite della FIDAPA di Floridia (SR); durante la serata ha declamato alcuni passi del volume di cunti.

Il 20 marzo, in occasione dell’inaugurazione della mostra “’A via dulurusa”, l’autrice ha letto alcuni brani dalla sua raccolta di cunti “Quannu ‘u Signuri passava p’ ‘o munnu”.

Il 24 aprile “Quannu ‘u Signuri passava p’ ‘o munnu” è stato ospite di “Save the Beauty”, manifestazione a carattere nazionale, presso il Cortile Verga a Siracusa , in occasione della serata “Sapori letterari”.

Il 3 e il 5 maggio l’autrice – anche in veste di performer – è stata ospite a Floridia in occasione dei festeggiamenti per l’Ascensione (al “Chianu ‘i Masciu Vartulu” e presso il Museo etnografico dedicato a Nunzio Bruno).

Il 9 ottobre l’autrice ha letto uno dei suoi cunti in occasione del Convegno regionale del MASCI Sicilia presso il Santuario di Maria Santissima Scala del Paradiso a Noto (SR).

Nella categoria Libri editi di poesia, QUANNU ‘U SIGNURI PASSAVA P’ ‘O MUNNU ha ricevuto una segnalazione di merito al Premio Letterario Il Convivio 2016 – Premio Poesia, Prosa e Arti Figurative e Premio teatrale “Angelo Musco”.

La cerimonia di premiazione si è tenuta nella splendida Giardini Naxos domenica 30 ottobre. 

Il 18 novembre ha registrato la quinta puntata della trasmissione di Telecittà (ch 654) “Libri in città”, dedicata ai libri e agli autori siracusani e non, condotta da Claudia De Luca e dal professor Luigi Amato.

 

Copertina Riccioli

 

Vi ripropongo l’intervista di Infinity agency (grazie a Marla Lombardo e Garjan Atwood)

e poi vi posto dell’altro materiale…

 

 

 

20160320_191233

QUANNU ‘U SIGNURI PASSAVA P’ ‘O MUNNU è il mio libro di cunti in dialetto siciliano, uscito nel 2014 e protagonista di tanti incontri…

Ecco la prefazione, dono dell’amico poeta, etnologo e saggista Sebastiano Burgaretta:

Aria fresca, che pure sa d’antico e che d’antico serba la fragranza, è quella che si respira e si gusta leggendo questi racconti in versi di Maria Lucia Riccioli, la quale in essi si rivela narratrice, anzi poetica raccontatrice, d’antico stampo popolare, quasi una specie di contastorie in proprio, aggiornata cioè al tempo d’oggi e quindi libera nel piegare il ricco patrimonio lessicale siciliano all’esigenza della comunicazione che la vita attuale impone (Sebastiano Burgaretta).

https://luisellapacco.wordpress.com/2014/08/28/quannu-u-signuri-passava-p-o-munnu-di-maria-lucia-riccioli/ (la splendida recensione di Luisella Pacco)

http://www.cataniapubblica.tv/buc-quannu-u-signuri-passava-po-munnu/ (la puntata di BUC in cui sono stata intervistata sul libro)

http://www.nuovosud.it/24242-cultura-siracusa/quannu-%E2%80%98u-signuri-passava-p%E2%80%99%E2%80%99o-munnu-presentato-siracusa-il-libro-di-maria (la recensione di Anna Di Carlo su NuovoSud)

https://cstbcentro.wordpress.com/2014/10/28/quannu-u-signuri-passava-p-u-munnu/ (io e il CSTB, Centro Studi di Tradizioni Popolari Turiddu Bella)

http://www.lacivettapress.it/online/index.php?option=com_content&view=article&id=258:libro-in-dialetto-della-poetessa-riccioli-storie-in-endecasillabi-a-rima-baciata&catid=17:cultura&Itemid=121 (La Civetta di Minerva)

http://www.reteregione.it/si-cunta-sarraccunta/ (su Reteregione, scritto da Lucia Corsale)

 Il booktrailer…

Alcuni miei scritti sono confluiti in varie antologie edite da Algra Editore… in primis NOI SIAMO DESDEMONA, curata da Maria Rita Pennisi, che mi ha voluta insieme alle voci di scrittrici siciliane e non per dire NO alla violenza sulle donne.

L’antologia Noi siamo Desdemona è nata da un’idea di Maria Rita Pennisi. I dolorosi fatti di cronaca degli ultimi anni hanno messo in luce una realtà terribile in cui alcuni uomini, non accettando l’abbandono da parte delle donne o il loro desiderio di emancipazione, ne rivendicano il possesso attraverso la violenza o addirittura l’omicidio, negando a se stessi e alle loro vittime la possibilità di un’esistenza serena. I racconti trattano questa tematica e la sofferenza di una società in crisi di transizione.

Racconti di Maria Attanasio, Angela Bonanno, Marinella Fiume, Lia Levi, Simona Lo Iacono, Mavie Parisi, Anna Pavone, Maria Rita Pennisi, Tea Ranno, Maria Lucia Riccioli, Maria Grazia Sclafani, Elvira Seminara.

Booktrailer

Maria Rita Pennisi è nata a Catania e vive ad Aci Bonaccorsi. Dal 1986 insegna Lettere presso gli istituti di istruzione superiore di secondo grado. Scrittrice e poetessa, ha pubblicato su diverse antologie e riviste letterarie. È promotrice di incontri culturali e da alcuni anni, insieme a Orazio Caruso, dirige il festival di poesia “Poet(n)@” e quello di narrativa “Narrazioni di settembre”. Per la nostra casa editrice è direttore della collana “Fiori blu” e redattrice della rivista letteraria “Anthos”.

Annunci