http://www.lacivettapress.it/it/index.php?option=com_content&view=article&id=2140%3Adon-luca-saraceno-e-le-domande-su-cristo-la-vita-e-il-mondo&catid=69&Itemid=200

Ecco il link ad uno dei miei ultimi articoli usciti per LA CIVETTA DI MINERVA…

Nell’ultimo libro del sacerdote i quesiti assoluti e perenni che s’incarnano nel nostro quotidiano. Scrittura colta, narrativa, poetica e pregna di pensiero; le meditazioni hanno un piglio di racconto

La Civetta di Minerva, 24 febbraio 2017

Contaminando le parole di papa Francesco e Milan Kundera, Lec, Kierkegaard e Kant, interrogando il Vangelo, padre Luca Saraceno – parroco e docente di Ermeneutica filosofica e Storia della filosofia moderna e contemporanea presso lo Studio Teologico San Paolo di Catania, docente invitato di Filosofia sistematica all’Istituto Superiore di Scienze Religiose San Metodio di Siracusa –, che si era occupato in un precedente volume – La saggezza delle lacrime. Papa Francesco e il significato del pianto (EDB, Bologna 2015) – del senso del piangere umano e divino, in Tempo di domande. La passione di Gesù si racconta (EDB, Bologna 2016) chiede ai testi sacri, a se stesso e ai lettori il senso delle domande di Gesù, disquisisce sull’arte della domanda e pone Cristo, la vita di ognuno di noi e del mondo come domanda assoluta e perenne, che si incarna nel quotidiano, con le sue scelte e i suoi dubbi, i rovelli e le illuminazioni.

Scegliamo questo momento per presentare ai lettori de La Civetta di Minerva questo volumetto, insieme a Con gli occhi di Maria. La preghiera del Rosario (uscito sempre per i tipi delle Edizioni Dehoniane di Bologna nel 2016), proprio perché dopo gli effimeri fasti del Carnevale inizia un tempo forte e significativo: “La Quaresima, tempo di preparazione al passaggio della grazia, è il frammento che raccoglie domande umane e divine; la Pasqua, spazio di contemplazione amorosa e operosa, è il frattempo che racchiude racconti fraterni e filiali” (p. 7).

La scrittura di Padre Luca è colta, narrativa, poetica e pregna di pensiero insieme; le meditazioni, pensate per ogni stazione della Via Crucis o per le poste del Rosario nel caso del volume sulla Madonna, hanno un piglio di racconto e di pausa contemplativa insieme, con il gusto della parola scelta e preziosa. Con gli occhi di Maria. La preghiera del Rosario rappresenta infatti una meditazione su Maria, un invito a ripensare la preghiera del Rosario e la vita stessa (di cui l’antica e sempre nuova preghiera è figura, simbolo, allegoria, col suo percorso vocale, mentale e spirituale sulla trama della ripetizione di Ave, Pater e Gloria), attraverso i misteri della compassione, della misericordia (leitmotiv dell’anno giubilare appena trascorso), attraverso la vita di Maria e Gesù e la nostra.

 

 

Approfitto per rinnovare la mia attestazione di stima verso il direttore Franco Oddo e il vicedirettore Marina De Michele per la loro passione e il loro impegno per un giornalismo non allineato.

Grazie anche a tutta la redazione per i sacrifici e il tempo per scrivere rubato ad altro.

 

Per finanziare LA CIVETTA DI MINERVA, che è sostenuta solo da sponsor privati ed è un esempio di stampa libera da vincoli, l’idea è quella del crowdfunding, cioè la ricerca di fondi.

La civetta, animale sacro a Minerva: il simbolo del giornalismo che raccoglie informazioni e poi le analizza e le argomenta offrendole alla società perché diventino l’humus di un pensiero critico.

Da questa interpretazione del giornalismo  nel settembre del 2009 nasce il progetto dell’edizione cartacea del La civetta di Minerva, giornale antimafia, no profit.

http://www.lacivettapress.it/ it/

Difesa dell’ambiente e del territorio,  multiculturalismo, welfare, etica politica, economia sostenibile, lotta contro ogni forma di sfruttamento, prevaricazione e corruzione sono i nostri temi.

In soli sette anni di attività abbiamo sostenuto – nonostante la scarsità di risorse e quasi solo grazie ai nostri stessi contributi – importanti battaglie nel settore delle energie rinnovabili, della gestione privata del servizio idrico, contro la  costruzione del rigassificatore di Priolo-Melilli, a favore del blocco delle trivellazioni petrolifere in Val di Noto. Poi, tra le nostre numerose inchieste, quella “storica” sulla Procura della Repubblica di Siracusa ci è valsa il premio giornalistico nazionale Mario Francese 2012.

Tuttavia la nostra battaglia per la legalità ci ha portato più nemici che introiti e adesso la Civetta rischia la chiusura definitiva. Abbiamo bisogno di voi per salvarla!
Le donazioni verranno usate per finanziare il giornale e le attività che possano contribuire a tenerlo in vita e a promuoverne la diffusione.

Il nome di ogni donatore verrà stampato in uno spazio dedicato del giornale che potrà accogliere anche proposte e considerazioni (previa valutazione della loro liceità). Ciascuno riceverà il PDF del numero in uscita che presto potrete leggere anche grazie ad un’app.

———————————————————————–

The owl, sacred to the roman goddess Minerva: the symbol of aan active journalism, which collects, analyzes and discuss information in order to provide society with a booster for critical thought .

This interpretation of journalism led to the birth, in september 2009, of  the anti-mafia, non-profit, print newspaper, La Civetta di Minerva.

http://www.lacivettapress.it/it/

Our mission is to oppose environmental threats, corruption, exploitement, and abuse of power; and to promote multiculturalism, welfare, ethical politics, and sustainable economy.

Even though we had little money – motly provided by the journalists ourselves – in seven years we fought important battles: against water privatization; against the building of the regasification unit in the high risk area of Priolo-Melilli; against oil drilling in the historical area of Val di Noto. Among our many investigative reports, the “famous”one on the judges of the Procura della Repubblica di Siracusa was rewarded with the national Mario Francese prize for anti-mafia journalism.

However, our battle for legality brought us more ennemies than funds and now La Civetta risks to close for ever. We need you to save it!
Your donations will be used to support the newspaper and every activity which can contribute to its survival and outreach.

The name of every donor will be printed in a specific section of the newspaper, where your ideas and proposals can also be hosted (after previous evaluation of their legitimacy). Moreover, every donor will receive a PDF version of next issue and will be able to read it through an app.

http://www.lacivettapress.it/it/

LA CIVETTA esce ogni due venerdì e poi molti articoli confluiscono nel sito, dove troverete anche aggiornamenti e novità.

 

 

 

 

Mariannina Coffa, Franca Viola e la premiazione del concorso INCHIOSTRO E ANIMA

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Grazie innanzitutto a Vincenzo Greco de LA SICILIA per l’attenzione dedicata al concorso intitolato a Mariannina Coffa Caruso, la poetessa e patriota netina (1841-1878) protagonista del mio romanzo storico FERITA ALL’ALA UN’ALLODOLA.

Complimenti ad Aurora Miriam Scala per il piazzamento ottenuto con il suo racconto dedicato alla figura di Franca Viola, la ragazza di Alcamo che cambiò la storia del nostro paese opponendosi al matrimonio riparatore con il suo stupratore.

E un grazie a Giusy Cancemi Di Maria per la sua tenacia nell’organizzare ogni anno questo premio letterario dedicato a siciliane come la Coffa e Franca Viola.

Ecco le sue parole:

Dedicato a Mariannina Coffa che ha fatto il giro d’Italia! Perché le cose fatte con passione e amore autentico prima o poi ripagano!
Grazie ad ognuno di voi che incondizionatamente credete in me e nella forza della vera Poesia che unisce!
felicissima.

Ecco foto e video della serata…

Giorno 1 ottobre alle ore 18, nello splendido salone delle feste di Palazzo Nicolaci a Noto, si tè tenuta la premiazione del concorso letterario INCHIOSTRO E ANIMA, quarta edizione, dedicato alla memoria della poetessa e patriota netina Mariannina Coffa, protagonista del mio romanzo FERITA ALL’ALA UN’ALLODOLA…  Continua a leggere

Mariannina Coffa: la premiazione del concorso INCHIOSTRO E ANIMA

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Giorno 1 ottobre alle ore 18, nello splendido salone delle feste di Palazzo Nicolaci a Noto, si terrà la premiazione del concorso letterario INCHIOSTRO E ANIMA, quarta edizione, dedicato alla memoria della poetessa e patriota netina Mariannina Coffa, protagonista del mio romanzo FERITA ALL’ALA UN’ALLODOLA…  Continua a leggere

SGUARDI PLURALI: presentazione degli atti del convegno (articoli, foto e video)

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Aggiorno l’articolo oggi che è il 16 maggio, che è la giornata in cui il tricolore svettò sulla Fontana di Ercole a Noto per manifestare l’adesione della città ai moti palermitani e allo sbarco garibaldino del 1860.

Questa è una splendida notizia e ve ne voglio rendere partecipi. Un convegno è un’occasione bellissima di incontro e scambio… ma è anche importante mettere un punto fermo e capire lo stato dell’arte (degli studi su un personaggio, su un periodo, un problema…).

Così sta avvenendo per SGUARDI PLURALI, i cui atti vedono finalmente la luce.

Ringrazio la curatrice, Marinella Fiume, donna tosta, storica, scrittrice e studiosa di Mariannina Coffa.

Sono lieta di dividere le pagine di questi atti con amici e studiosi di vaglia.

http://www.globusmagazine.it/presentazione-degli-atti-del-convegno-mariannina-coffa-sguardi-plurali-il-4-maggio-sala-gagliardi-noto/#.Vyr9zTEpq9c (grazie a Globus Magazine)

La curatrice del volume, Marinella Fiume… e Mariannina Coffa.

Qualcuna delle prime foto del pomeriggio di ieri… riconoscibili l’architetto Raffaele Di Dio, Giuseppina Calvo dell’Archivio di Stato di Noto, Marinella Fiume, il sindaco Corrado Bonfanti, Enzo Papa, Salvatore Martorana, Biagio Iacono…

… Stefano Vaccaro…

Ed eccomi… emozionata e orgogliosa di aver apportato il mio contributo sia al convegno del 2014 che alla mostra documentaria dell’Archivio di Stato di qualche anno fa, sia naturalmente a questo volume di Atti con il mio scritto INTORNO A VOGLIO IL MIO CIELO – LA SCOPERTA DI UN INEDITO SULLA COFFA (corredato dalla riproduzione del frontespizio della tesi di laurea di Emanuela Marziano): grazie infinite ancora a Marinella Fiume per aver fortemente voluto questo mio studio all’interno del libro.

Presente in queste foto la cara amica e collega Paola Maria Liotta… che ha lavorato con Angelo Fortuna presentando ed analizzando il testo di “Anonimo 1905” sulla Coffa.

Condivido con gioia le foto di un evento ricco di momenti davvero toccanti, al culmine della presentazione del volume degli Atti del Convegno “Sguardi plurali”. E grazie a degli ottimi anfitrioni, che mi hanno cooptata nell’impresa, godere della bellezza, se intessuta di arte e d’amore, e scrivere qualcosa su Anonimo 1905 e sulla bravura di chi lo ha fatto parlare per noi. E dire qualcosa della grandezza, dell’attualità di Mariannina Coffa e del suo genio senza tempo (Paola Maria Liotta)

Densa e proficua serata di studio e confronto quella indetta a Noto in occasione della presentazione del libro “Mariannina Coffa – Sguardi Plurali” per i tipi di Armando Siciliano Editore. L’ultimo volume sulla poetessa iblea a cura della prof.ssa Marinella Fiume compendia un insieme di elaborati e ricerche di importanti studiosi a livello nazionale. Ho avuto l’onore di prendervi parte con il mio saggio “Una stanza tutta per sé: La scrittura privata di Mariannina Coffa” (Stefano Vaccaro)

Grazie per le foto a Stefano Vaccaro, Massimo Martinazzo Carnemolla e Carlo Emanuele Giannetto.

Il mio intervento… sono stata molto lieta della presenza in sala di Peppe Marziano, figlio di Emanuela Marziano, e di Maria Grazia Ficara. Grazie della fiducia in me riposta: lavorare sulla tesi della signora è stato un privilegio e un onore (trattasi dell’inedito sulla Coffa su cui si incentra il mio scritto presente in SGUARDI PLURALI).

Ph. Paola Liotta

La bellezza della Sala Gagliardi e la meraviglia di Noto…

L’editore Armando Siciliano consegna al sindaco una copia del volume e la carta dei luoghi coffiani… opera dell’architetto Raffaele Di Dio, che ha lavorato con passione e competenza.

Un breve video…

Per chi desiderasse acquistare il volume, ecco un riferimento Internet…

https://www.libroco.it/dl/aa.vv/Siciliano/9788874428052/Marianna-Coffa-Sguardi-plurali/cw519993162682834.html

http://www.ibs.it/code/9788874428052//marianna-coffa-sguardi-plurali.html?gclid=CMfxjdDSyMwCFeEp0wodxPwPhg (su Ibs)

Marianna Coffa. Sguardi plurali.

Siciliano

A cura di Fiume M.
Messina, 2016; br., pp. 332, ill.
(Saggistica).

collana: Saggistica.

ISBN: 88-7442-805-7 – EAN: 9788874428052

Testo in: testo in italiano

€ 24.00


Ed ecco qualche ricordo del convegno.

Palazzo Impellizzeri, 7 novembre 2014…

VOGLIO IL MIO CIELO, Bonanno editore.

Curatori, Marinella Fiume e Biagio Iacono.

Una gioia conversare con loro della cara Mariannina Coffa.

Un ricordo bellissimo. Che non è rimasto isolato…

Grazie a Marinella Fiume e all’artista Angelo Giudice che ha realizzato gli splendidi schizzi di noi convegnisti…

…tra cui il preside Martorina. Nella foto successiva, al centro Cettina Raudino, mentre Paola Maria Liotta presenta il lavoro del preside Angelo Fortuna.

Striscia quotidiana “Tutto in 10 minuti”. Convegno su Mariannina Coffa (seconda giornata). Conduce Vincenzo Rosana. Regia di Marco Marescalco.
http://youtu.be/mw-EgXbwLZo
www.tuttosunoto.com

Ecco il resoconto della seconda parte del convegno dedicato a Mariannina Coffa Caruso…

Marinella Fiume parla di VOGLIO IL MIO CIELO, scritto insieme a Biagio Iacono.

Lucia Sardo legge alcuni versi di PSICHE, una delle poesie più emblematiche della Coffa, oltre ad un brano dell’epistolario raccolto dagli studiosi di Mariannina.

Il pubblico…

Qui invece riporto il servizio sulla prima giornata del convegno.

Ecco l’intervista realizzata da Vincenzo Rosana per TuttosuNoto in occasione del convegno SGUARDI PLURALI dedicato alla poetessa e patriota netina Mariannina Coffa Caruso: l’assessora Cettina Raudino parla di questa splendida iniziativa.
Sono stata onorata, il pomeriggio del 7 novembre, di prendervi parte in qualità di moderatrice dialogando con Marinella Fiume e Biagio Iacono sul loro ultimo lavoro dedicato proprio alla figura della Coffa, VOGLIO IL MIO CIELO (Bonanno editore).

Io e il mio caro ex alunno Giuseppe Puzzo… prima a Palazzo Impellizzeri per VOGLIO IL MIO CIELO all’Archivio di Stato giorno 7 e giorno 8… con la bravissima Lucia Sardo a Palazzo Trigona!

Ecco il programma.

Mariannina SGUARDI PLURALI programma

Ringrazio Vincenzo Rosana e Marco Marescalco per l’attenzione e la cortesia usata nei miei riguardi…

Il mio romanzo FERITA ALL’ALA UN’ALLODOLA mi ha portata fin qui, a parlare di questa donna e poetessa, amante e artista, intellettuale e donna impegnata, figura complessa e affascinante.

http://www.societadelleletterate.it/2014/10/convegno-su-mariannina-coffa/ (la Società Italiana delle Letterate cita il convegno)
Carlo Muratori canta OMBRA ADORATA, un sonetto della Coffa da lui stesso musicato.
Emozione pura… e filologica, con le due versioni dello stesso verso!
Con il prof. Martorana, grande allievo di Manara Valgimigli e Concentto Marchesi, Paola Liotta e Angelo Fortuna che presenta il suo libro su M.C. Anonimo 1905!
Dotti conversari…
Quante impressioni sensazioni idee concetti… quanta poesia letta ascoltata commentata.
Noto, Una due giorni per celebrare Mariannina Coffa

Magica e semplice nella sua nuda verità l’interpretazione di Lucia Sardo – le lettere di Mariannina, i suoi versi…

Qualche foto… riconoscibili Enzo Papa, Nicolò Mineo, Cettina Raudino… Marinella Fiume…

 

Il sindaco di Noto Corrado Bonfanti…

Giusy Cancemi Di Maria presenta il concorso INCHIOSTRO E ANIMA dedicato alla Coffa…

(di straforo… un’immagine legata all’edizione dello scorso anno… premiazione nella stessa location):

(antologia e premi…)

 

Lucia Sardo legge Mariannina dal libro Voglio il mio cielo lettere al precettore, familiari, amici di M. Fiume e B. iacono.

 

Lucia Sardo… legge Mariannina.

Cettina Raudino…

Lucia Sardo e Cettina Raudino.
Lo splendido quadro di Gianluca Pipitò.
Vi aspettiamo tutti giorno 4 maggio per rendere omaggio alla nostra Mariannina, sempre presso la Sala Gagliardi di Palazzo Trigona, ore 18.
Post scriptum: una graditissima sorpresa che mi viene dritta dritta dalla bella esperienza del Kaos Festival di Montallegro (AG), che mi ha vista finalista proprio con il mio romanzo FERITA ALL’ALA UN’ALLODOLA ispirato proprio alla figura di Mariannina Coffa.
Raimondo Moncada ha intervistato Giovanni Lauritano di Libertina, che tra l’altro porta in giro la mia fiaba LA BANANOTTERA (VerbaVolant edizioni) ed ha una notazione proprio dedicata a me e alla nostra Mariannina. Lo ringrazio di cuore…
Il dono del libraio mobile di Libertina, la libreria itinerante per ragazzi

La vista degli occhi lo ha abbandonato. Ma non la luce del cuore che gli ha squarciato il buio della paura. Così un bel giorno, Giovanni si è lanciato a inseguire il suo sogno: fare il libraio. E non un libraio qualsiasi. Ma un libraio nomade, in roulotte, per raggiungere in ogni luogo, anche il più sperduto e abbandonato, bambini e ragazzi speciali, con disabilità, con problemi alla vista come lui o con altre patologie legate alla lettura e all’apprendimento come la dislessia o la difficoltà di concentrazione.

 

Giovanni Lauritano, 47 anni, ha pensato di investire in proprio su quella che è stata da sempre la sua passione: i libri. Per tanti anni ha lavorato nelle librerie Mondadori e Feltrinelli di Messina, la sua città, fino al luglio del 2014, occupandosi sempre del settore bambini e ragazzi. Poi il sogno ha cominciato a farsi sempre più pressante e ha deciso di lanciarsi “nell’ignoto”, superando ogni paura. 

“Mi ero stancato a stare in libreria. Volevo un approccio nuovo, da nomade, per avvicinarmi ai bambini e farne piccoli e appassionati lettori”.

A Palermo, cogliendo un’occasione, ha comprato una roulotte. L’ha trasformata in libreria ambulante e, prima di mettersi in cammino, ha richiesto tutte le autorizzazioni possibili. Dentro la roulotte ha posizionato scaffali, tavolinetti e panche con centinaia di volumi studiati per facilitare la lettura a chi ha difficoltà con la pagina scritta: con font (caratteri), carta e inchiostri particolari, simboli, colori, immagini…

“Sono dodici le case editrici specializzate che mi seguono”.
Ha attrezzato la roulotte pure di un impianto che produce energia solare per rendere la libreria autonoma.

Incontro Giovanni per caso, a Noto, durante un giro turistico. Mi accorgo della roulotte appena arrivo nella capitale del barocco patrimonio dell’Umanità, sedendomi a riposare le stanchezze del viaggio in macchina sui gradini del teatro comunale “Tina Di Lorenzo”. La roulotte è davanti a me, in mezzo alla piazza XVI Maggio, lungo il Corso Vittorio Emanuele, a pochi passi dalla Fontana d’Ercole e dal

monumento in onore della poetessa Mariannina Coffa che ho conosciuto leggendo il bel romanzo Ferita all’ala un’allodola della scrittrice siracusana Maria Lucia Riccioli.
Vedo la roulotte bianca mentre scatto una foto alla chiesa San Domenico che mi sta davanti. La roulotte mi oscura parte del monumento. Penso: ma questi turisti non avevano altro posto dove posteggiare? Poi mi avvicino e noto che non è una roulotte qualsiasi e di turistico non ha proprio niente.

La porta è aperta, così come tutte le finestre con tendine a riparare il patrimonio interno da un sole che picchia oltre i 40 gradi. Giovanni è seduto in un angolo, all’ombra, a prendere un po’ di freschetto, in attesa. Ha un libro in mano che gli copre il volto. Quando mi sente salire l’unico gradino d’accesso, si alza e mi viene incontro. Mi saluta e mi dà il benvenuto. Ci presentiamo e ci sveliamo, interessandoci l’uno dell’altro.

“Posso raccontare la tua storia nel mio blog?”
“Certo”.
“Posso scrivere tutto?”
“Non ci sono problemi”.

La libreria di Giovanni si chiama “Libertina”, inneggiando alla libertà, all’anticonformismo, alla leggerezza. Una volta dentro, vengo subito affascinato da un inatteso scrigno che si apre ai miei occhi e soprattutto dalla storia di un coetaneo che, con una disabilità molto invalidante, si è creato un lavoro in un settore ritenuto tra i più in crisi del momento. Da turista in vacanza, prendo il mio notes e appunto le risposte alle mie crescenti curiosità. Rimango colpito. Ammiro le persone che vedono oltre. Da quello che gli risulta, è il primo libraio in roulotte. Finora si sono visti in giro librerie in ape o in furgoncino.

Ha cominciato ufficialmente nel dicembre del 2014, nel mercatino natalizio di Barcellona Pozzo di Gotto. Poi ci sono state altre tappe, in provincia di Messina, nel catanese e nel siracusano. Ma ci sono altre richieste, in Calabria e al nord.
“Dovrò organizzarmi con Daniela, la mia compagna,  che mi segue in questa esaltante avventura. È lei che guida la macchina per gli spostamenti della roulotte. Senza di lei non avrei fatto niente”.
Giovanni è ipovedente. Mi racconta che ha problemi agli occhi fin da piccolo e che negli ultimi anni nota un aggravamento.
“Non vedi niente?”
“Vedo luci e bagliori. Per poterti in qualche modo vedere mi debbo avvicinare a pochi centimetri da te. Ma non lo faccio capire”.

In effetti, non si capisce. Giovanni si muove dentro e fuori la sua libreria in maniera disinvolta, con i suoi occhialini che gli danno un’aria colta e allo stesso tempo simpatica. Sistema pure dei tavoli fuori, senza l’aiuto di nessuno, riempiendoli di libri quando la temperatura lo consente e cominciano a venire i primi clienti. Nel suo mondo è padrone.

“Ringrazio la mia compagna e i miei amici che mi hanno dato tanto sostegno e che all’inizio mi hanno fatto superare tante paure. La notte non dormivo”.
“A dicembre festeggerai il primo anno di attività. Sei contento?”
“È un’esperienza pazzesca. Scopro lati di me che sconoscevo. Quello che faccio è molto apprezzato. Il riscontro c’è. Ho tante richieste. A settembre sarò al centro di Catania per una iniziativa”.

È la seconda volta che fa tappa a Noto nel giro di poco tempo. La prima è stata a luglio. Si è trovato così bene che è ritornato grazie all’assessorato alla Cultura. Giovanni si muove con la sua libreria itinerante in modo autonomo e raccogliendo inviti da parte di Istituzioni, parrocchie e privati. Raggiunge le fiere, i mercatini, i festival della letteratura, le scuole, organizzando anche eventi attorno a “Libertina”, coinvolgendo amici artisti che danno vita a laboratori o trasformandosi lui stesso in lettore, in cantastorie, animando con letture a viva voce i libri che propone. Promuove anche progetti per le scuole, collabora con parrocchie e presenta autori. Insomma, promozione della cultura a 360 gradi, con una straordinaria funzione sociale. Raggiunge anche luoghi sperduti, quartieri difficili, periferie del mondo dove, mi dice, un libro non esiste.

“Il mio obiettivo è raggiungere i bambini, ovunque, affascinarli alla bellezza della lettura, far scoprire loro che esistono libri per tutti, libri che cercano di rimuovere qualsiasi ostacolo”.

 

Ci salutiamo scambiandoci gli indirizzi e dei regali al volo: dei libri. Io esco l’ultima mia creatura in siciliano Chi nicchi e nacchi. Giovanni mi omaggia del libro illustrato Un futuro per i fiori di Florence Faval invogliandomi alla lettura. Il volume comincia: “Come una barca sulle onde altre viaggio sulle curve dei miei sogni”. 

Raimondo Moncada 
Recupero un altro ricordo…

Siracusa: Successo per la raccolta fondi “Senonoraquando”. Le donne aretusee protagonite

29 Maggio 2011 
Grande successo per la serata raccolta fondi, organizzata dal comitato Senonoraquando di Siracusa in un noto locale siracusano. Protagoniste dell’evento, le testimonianze e l’arte delle donne raccontate, cantate e recitate da artiste locali. Ad aprire le danze, nella prima parte della serata, i versi della poetessa Elena Condemi, recitati da Carmelinda Gentile e Nadia Spicuglia, a seguire l’esperienza di vita in relazione alle diversità, espressa con passione ed ironia dalla dott.ssa Carmela Carbonaro, dirigente del servizio psichiatrico presso l’ospedale Umberto I di Siracusa.

Dopo la pausa aperitivo, la manifestazione ha visto avvicendarsi, dapprima il duo Erika Barresi, Doriana La Fauci con una serie di classici tratti da Medea, Le Troiane e Cime tempestose. Subito dopo, applauditissima, la sensuale voce della siracusana Adriana Spuria con due brani tratti dal suo Album d’esordio “il mio modo di dirti le cose”.

A seguire il contributo di Raffaella Mauceri, giornalista e femminista storica siracusana, che ha letto un documento dedicato all’attività ed ai futuri progetti portati avanti dalle donne del Comitato Senonoraquando, quali eredi del femminismo moderno. La serata si è conclusa con la presentazione del libro “Ferita all’ala un’allodola”della professoressa Maria Lucia Riccioli. Un racconto appassionato e ricco di spunti di riflessione sulla vita e l’arte della poetessa netina Mariannina Coffa e sulla sua esistenza di artista anticonformista e passionale vissuta a ridosso delle lotte per l’indipendenza italiana. Alcuni brani del libro sono stati letti dalla docente Silvana Scrofani.

Questo blog ha cambiato indirizzo

cercalo su www.mariaamata.it

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Maria Lucia Riccioli

La Bellezza salverà il mondo (F. Dostoevskij).

luoghipensanti.wordpress.com/

Abitare Miti, Fenomeni e Storie per i Luoghi dell'Anima e della modernità

Pane cultura e fantasia

La Bellezza salverà il mondo (F. Dostoevskij).

La Bellezza salverà il mondo (F. Dostoevskij).

SOLCHI

Quando verrai, o dio dei ritorni, mi coprirò di rugiada e forse morirò per ogni possibile resurrezione

The Daily Post

The Art and Craft of Blogging

Remo Bassini

ALTRI APPUNTI

LETTERATITUDINE di Massimo Maugeri

La Bellezza salverà il mondo (F. Dostoevskij).

NASCONDERE QUALCOSA

"Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto" (Calvino)